Enti e regioni

In aula per imparare i mestieri dello sport: al via accordo tra Coni e università di Torino

di Marzio Bartoloni

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Rispondere alla crescente domanda di formazione, aggiornamento e preparazione di specifiche figure tecniche nelle scienze applicate alle attività motorie anche in ambito sportivo. A questo punta il protocollo di intesa siglato tra l'Università di Torino e il Coni per formare nuove figure professionali che dovrebbero andare dal personal trainer ai mental coach fino ai gestori di impianti sportivi.

Si punta a replicare il modello in altre Regioni
Il protocollo è stato siglato ieri dal presidente del Coni Giovanni Malagò, dal rettore di Torino Gianmaria Ajani, dal presidente del Coni Piemonte, Gianfranco Porqueddu, e dal presidente del Suism, Giorgio Gilli. Malagò che si è impegnato «ad esportare questa esperienza anche in altre Regioni italiane», sottolineando l'importanza del protocollo, ha spiegato che «oggi nessuno si può più permettere di rimanere indietro. Sentiamo il grido di tante persone che fanno parte del nostro mondo e cercano di avere una collocazione professionale in esso. Molti ragazzi possono trovare lavoro dentro il comparto sportivo ma deve essere chiaro che serve preparazione, competenza, non si può andare avanti con il pressapochismo».

I percorsi formativi in via di definizione
Obiettivo del protocollo è la formazione qualificata e la specializzazione, attraverso corsi di perfezionamento (istituiti con decreto rettorale) e opportunità di aggiornamento, di professionalità tecniche nelle scienze applicate alle attività motorie da inserire nell'Elenco nazionale riconosciuto dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Il protocollo prevede la predisposizione e l'attuazione di un progetto «teso alla formazione qualificata, aggiornamento e specializzazione di figure specifiche tecniche nelle scienze applicate alle attività motorie anche in ambito sportivo». I percorsi formativi sono in via di definizione ma le figure interessate dovrebbero essere quelle dei personal trainer, dei mental coach, dei gestori di impianti sportivi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA