Studenti e ricercatori

Da medicina a ingegneria, crescono i corsi di laurea in lingua inglese

di Francesca Milano

Studiare in inglese senza spostarsi dall'Italia, per avere più chance di lavoro dopo la laurea. Sono in aumento di studenti che scelgono di iscriversi a uno dei 142 corsi universitari in inglese attivati in 39 atenei d'Italia . Si tratta, nella maggior parte dei casi, di corsi in discipline scientifiche o economiche, ma in alcune sedi universitarie è possibile frequentare in inglese anche i corsi in farmacia, scienze politiche, pianificazione urbana.
Otto dei 142 corsi sono a numero chiuso (è il caso, per esempio, del corso di laurea in medicina), mentre per altri 26 corsi è previsto un test di ingresso stabilito dall'ateneo (come per ingegneria).
«L'offerta in inglese – si legge nel rapporto della Crui del 2012 - assolve ad un duplice obiettivo: rendere più attrattiva l'Università italiana agli studenti stranieri, ma anche preparare e formare gli studenti italiani a un'apertura verso il mondo lavorativo e/o scientifico a livello internazionale. Non dimentichiamo, infatti, che soprattutto per la ricerca scientifica, la lingua inglese rimane, almeno per il momento, il passaporto per proporsi e farsi conoscere dalla comunità scientifica internazionale».
Tranne alcuni casi (come la laurea a ciclo unico in medicina o alcuni corsi triennali di economia), in genere i corsi in inglese rientrano nel piano di studi delle lauree magistrali. Ma che livello di conoscenza è richiesto per frequentare un corso di laurea imparito totalmente in lingua inglese? In genere, è richiesto un livello "intermedio" B1 del "quadro comune europeo di riferimento", che prevede:
•abilità di comprendere i punti chiave di argomenti familiari che riguardano la scuola, il tempo libero, i viaggi eccetera;
•abilità di muoversi con disinvoltura in situazioni che possono verificarsi mentre si viaggia nel paese in cui si parla la lingua;
• essere in grado di capire testi scritti di uso corrente legati alla sfera quotidiana o al lavoro;
•essere in grado di capire la descrizione di avvenimenti, sentimenti e desideri contenuti in lettere personali.
Secondo un'indagine della Kaplan, circa il 60% degli studenti italiani che si iscrive a un corso di inglese ha già un livello intermedio superiore, contro il 40% degli studenti spagnoli e il 20% dei francesi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA