Studenti e ricercatori

Università, in Sicilia nasce l’associazione contro i «concorsi truccati»

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Si chiama "L'università che vogliamo" ed è un'associazione no profit nata con l'intento di rendere pubblici ricorsi e denunce da parte di informatori in materia di reclutamento e oncorsi in ambito universitario, nonché di supportare con consigli, consulenza legale i docenti universitari messi ai margini dall'università. Il gruppo si è gemellato con l'Osservatorio indipendente dei concorsi universitari, ed ha già raggiunto 130 iscritti tra docenti ordinari, associati, ricercatori strutturati e giovani precari, 830 sostenitori attivi in rete che diffondono e condividono le iniziative dell'associazione, 5700 firme per una petizione da consegnare al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Portavoce un ricercatore vincitore di ricorsi
Portavoce e amministratore dell'associazione è il ricercatore di Vittoria (Ragusa) Giambattista Scirè, che ha ribaltato in sede giudiziaria l'esito di un concorso al quale aveva partecipato e vinto da un architetto per la docenza di storia contemporanea. In Sicilia hanno aderito 20 ricercatori così ripartiti nei tre atenei: 9 Catania, 8 Palermo, 3 Messina. «L'associazione - dice Scirè - vuole svolgere una funzione di incentivo nei confronti delle competenti autorità istituzionali, invitandole a censurare certi comportamenti sul piano dell'etica pubblica, oltre a decidere di costituirsi ad adiuvandum nei casi giudiziari più eclatanti e significativi nei 'concorsi truccati' che verranno scovati e denunciati».


© RIPRODUZIONE RISERVATA