Studenti e ricercatori

La Bicocca scommette sugli «open badge»: superata quota mille

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Superata quota 1000 per gli «open badge» che certificano la laurea. Ormai sono 14 i corsi di studio, triennali e magistrali, di tutte le aree disciplinari, che rilasciano l'attestazione digitale erogata sulla piattaforma Bestr del Cineca .

Il bilancio
Erogati per la prima volta ai laureati del corso di studio magistrale in lingua inglese in International economics, attivo dall'anno accademico 2015/2016, gli open badge sono uno strumento dic ertificazione delle competenze acquisite valide anche a livello internazionale. Tra i corsi di studio che hanno erogato un maggior numero di badge ci sono Scienze dell'educazione (342) e Scienze e tecniche psicologiche (294), Marketing, Comunicazione aziendale e Mercati globali (237) e Psicologia Clinica dello sviluppo e neuropsicologia (116).
A partire dall'anno accademico 2018/2019 anche i laureati in Marine sciences, il corso di studio che prevede un periodo presso il centro di ricerca MaRHE Center, alle Maldive, potranno ottenere il badge che riconosce le competenze acquisite.

L’utilizzo
Come tutti gli open badge erogati sulla piattaforma Bestr, anche i nuovi badge Bicocca sono riconosciuti a livello internazionale e possono essere usati nei curricula elettronici e sui social network per essere più competitivi nel mercato del lavoro. Come spiega Paolo Cherubini, prorettore alla Didattica dell’ateneo milanese: «Da oggi, con gli open badge di laurea, il laureato della Bicocca può caricare sui suoi profili social o sui suoi e-portfolio un certificato ufficiale dell'Università, bilingue, con informazioni certificate sulle conoscenze e competenze apprese e sul grado di successo con cui ha concluso gli studi. I potenziali datori di lavoro interessati avranno immediatamente a disposizione informazioni cruciali e garantite. Per ora lo eroghiamo solo noi; ma auspico che molte altre università adotteranno questa modalità di certificazione, per aumentare la visibilità dei laureati italiani nel panorama internazionale». Di tenere analogo le considerazioni di David Vannozzi, direttore generale del Cineca: «Ci auguriamo che questo risultato possa ispirare sempre più Atenei ad integrare proposte innovative nella tecnologia e nei processi, capaci di portare semplificazioni per gli operatori e servizi di valore per gli studenti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA