Studenti e ricercatori

Studenti senza borse di studio, manca ancora il riparto tra le Regioni

di Mar.B.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Per gli studenti l’attesa delle borse di studio si allunga. Ancora non c’è traccia del decreto che deve provvedere al riparto delle risorse del Fis, il Fondo integrativo statale che quest’anno supera i 220 milioni. E così molti dei beneficiari sono ancora in attesa secondo quanto riportano le associazioni degli studenti. Finora infatti è stato licenziato a dicembre , con 9 mesi di ritardo, solo il decreto che stabilisce come calcolare i fabbisogni regionali basati da quest’anno (è una delle novità) sui “valori standard” per dire addio al vecchio criterio della spesa storica.

Il decreto con il riparto delle risorse tra le Regioni era atteso - così prevedeva la legge di bilancio dell’anno scorso - entro settembre. Ma dopo il ritardo del decreto sui fabbisogni pubblicato a metà dicembre ovviamente il riparto che deve passare per la Conferenza Stato-Regioni è slittato. Con effetti evidenti sugli studenti che aspettano la borsa: «A gennaio ancora migliaia di studenti in Lombardia, Abruzzo, Emilia Romagna, Veneto, Marche, Campania, Calabria, Puglia e Sicilia non hanno ricevuto la borsa di studio per l'anno accademico 2017/2018, questo significa un enorme dramma per gli idonei non beneficiari: studenti che ad oggi non hanno ancora ricevuto la borsa di studio, sebbene risultati privi di mezzi e idonei per i criteri di accesso», avvertono gli studenti di Link . Che sottolineano come il risultato è che gli stessi beneficiari ora «hanno dovuto anticipare di tasca propria ciò che è servito per studiare in questi primi mesi di anno accademico, spesso lavorando per pochi euro all'ora, e sottraendo tempo agli studi».



© RIPRODUZIONE RISERVATA