Studenti e ricercatori

Stop del Consiglio di Stato ai corsi di laurea interamente in inglese

di Eu.B.

L’internalizzazione, perlomeno linguistica, delle università italiane subisce un altro stop. Con una sentenza pubblicata lunedì scorso il Consiglio di Stato ha confermato l’illegittimità dei corsi interamente in lingua inglese. Dando ragione al Tar che, nel 2013, aveva accolto il ricorso di alcuni docenti contro la delibera emanata l’anno prima dal Politecnico di Milano secondo cui tutti i corsi di laurea magistrale e i dottorati di ricerca, a partire dal 2014, sarebbero stati erogati esclusivamente in lingua inglese. Un principio che i giudici di Palazzo Spada hanno confermato nella pronuncia di due giorni fa.

Nel rigettare l’appello presentato dallo stesso Politecnico e dal ministero dell’Istruzione, il Consiglio di Stato ha richiamato i principi in materia di internazionalizzazione sanciti dalla Corte costituzionale con la sentenza n.42 del 2017. In quella sede la Consulta ha ricordato come tale fenomeno non debba «costringere la lingua italiana in una posizione di marginalità». Salvando, di fatto, l’offerta formativa «che preveda che taluni corsi siano tenuti tanto in lingua italiana quanto in lingua straniera». Una circostanza che - secondo i giudici di Palazzo Spada - la delibera “incriminata” non rispettava. Da qui la sua illegittimità.

La sentenza in teoria poteva essere uno tsunami in un sistema con 339 corsi in lingua inglese in 56 atenei. In pratica difficilmente sarà così perchè molte università, se non tutte, si sono adeguate sin dalla pronuncia del Tar. A cominciare dal Politecnico milanese, come conferma il rettore Ferruccio Resta. Che al Sole 24 Ore ribadisce la sua idea di internazionalizzazione: «Dare l’opportunità ai nostri studenti di vivere in un contesto internazionale». E questo non lo si fa limitandosi a predisporre uno o più corsi in lingua inglese.


© RIPRODUZIONE RISERVATA