Studenti e ricercatori

Università gratis o scontata per le studentesse che scelgono corsi scientifici

di Marzio Bartoloni

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Università gratis o scontata per le ragazze che sognano un giorno di lavorare come data scientist, esperto di Big Data, analista degli investimenti o come ingegnere. Il Miur ha appena firmato un decreto che stanzia un pacchetto di fondi per l’orientamento - vero buco nero nel passaggio dalla scuola all’università - e tra questi ci sono anche 3 milioni che le università potranno utilizzare per incentivare le iscrizioni femminili alle lauree scientifiche. Percorsi, questi, scelti in media da solo tre studentesse su dieci.

Secondo i dati del ministero dell’Istruzione sono appena il 35% le studentesse che si orientano verso le discipline Stem (acronimo inglese che sta appunto per scienze, tecnologia, ingegneria, matematica), ma la percentuale crolla per la laurea specifica in scienze tecnologiche e informatiche a solo il 15,2%. Un divario che inizia già dalla scelta della scuola secondaria superiore come dimostrato da diversi studi. Anzitutto le studentesse scelgono in misura molto maggiore i licei, il 68% delle ragazze contro il 32% dei ragazzi. Con il più gettonato classico per le ragazze e lo scientifico per i ragazzi. Certo sono i lontani i tempi in cui le studentesse in ingegneria erano rarissime (e si conquistavano l’applauso di colleghi e docenti nel primo giorno di corso): ormai per questo percorso le laureate sono quasi un terzo e brillano più dei colleghi con voti più alti e studi conclusi prima. Il dato è in miglioramento anche grazie al fatto che la scarsa presenza femminile nelle Stem è ormai argomento di discussione a tutti i livelli, G7 compreso.

Il decreto firmato a fine dicembre dalla ministra Valeria Fedeli riguarda sia le risorse disponibili per l'attuazione del Fondo per il sostegno dei giovani (previsto dalla legge 170 del 2003) sia quelle per attuare i Piani per l'’orientamento previsti dalla legge di bilancio per il 2017. A disposizione ci sono 64,2 milioni di euro in tutto per le università statali (59,2 milioni per il Fondo giovani e 5 milioni per i Piani per l’orientamento) e a 2,6 milioni di euro per le università non statali legalmente riconosciute. Il provvedimento oltre a prevedere più risorse (+6,3%) per la mobilità internazionale degli studenti, stanzia un pacchetto di fondi per l’orientamento. In particolare ci sono 3 milioni di euro per incentivare le iscrizioni ai corsi di laurea di ambito scientifico, con specifici incentivi a favore delle studentesse. In particolare gli atenei potranno prevedere l’esonero parziale o totale dalle tasse o potranno erogare contributi aggiuntivi o altre forme di sostegno agli studi. Non solo: le università riceveranno una quota maggiore di risorse (il 20% in più) per le iscrizioni delle studentesse rispetto a quelle degli studenti in modo da incentivare l'interesse delle ragazze per questi corsi.

Sono previsti poi 8 milioni per i piani per l’orientamento e per il piano lauree scientifiche e per finanziare progetti presentati da reti di università, in collaborazione con le scuole, che riguardino: azioni di orientamento in ingresso all'università; azioni di formazione dei tutor; sviluppo di laboratori per il riconoscimento delle abilità e lo sviluppo delle vocazioni delle studentesse e degli studenti, che si affiancano a quelli per l'insegnamento delle scienze di base del Piano lauree scientifiche. Previste risorse anche per incentivare percorsi d’incontro fra docenti delle scuole secondarie e docenti universitari per la formazione e l’orientamento; attività per l’autovalutazione e la valutazione della preparazione di base delle studentesse e degli studenti, sviluppo di azioni di monitoraggio del tutorato. Altri 6 milioni infine saranno utilizzati per l’erogazione di assegni agli studenti tutor che aiuteranno le matricole a orientarsi nel loro percorso di studi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA