Studenti e ricercatori

Alla Bocconi nasce il «Gucci Research Lab»

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Identificare e studiare le tendenze che stanno definendo l’evoluzione delle organizzazioni in questo secolo, con un focus particolare sul settore della moda e del lusso: così il rettore della Bocconi Gianmario Verona descrive gli obiettivi del Gucci Research Lab, nato da una partnership triennale firmata tra l’ateneo e Gucci.

L’iniziativa
Il Gucci Research Lab si occuperà di esplorare come le cosiddette “soft skills”, quali la mentalità da start-up, responsabilizzazione dei collaboratori, propensione al rischio, rapidi processi decisionali e agili strutture organizzative, possano contribuire a creare le condizioni necessarie per raggiungere performance superiori al mercato.

«Sono molto felice che Gucci e l'Università Bocconi, un ateneo particolarmente apprezzato per la sua ricerca applicata, collaborino insieme su questa iniziativa, che - spiega Marco Bizzarri, presidente e ceo di Gucci - ha l’obiettivo di portare alla luce e valorizzare una serie di variabili sulle quali aziende grandi e piccole devono riflettere».

Il Gucci Research Lab sarà composto da quattro professori dell’Università coordinati da un Lab Director. Ogni anno i risultati del lavoro saranno resi noti attraverso un position paper relativo a ogni singolo argomento, e presentati pubblicamente. In seguito a questa nuova partnership, Gucci assume il titolo di Partner Strategico dell'Università Bocconi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA