Studenti e ricercatori

Gli studenti lanciano l’allarme su borse e posti letto: «Servono più fondi in manovra»

Gli studenti lanciano un nuovo allarme sul diritto allo studio. Secondo Link-coordinamento universitario aumentano in tutta Italia le domande di posti letto e borse di studio: senza nuovi investimenti nella legge di bilancio, dicono, è «emergenza nazionale».

Secondo gli studenti in Piemonte coloro che hanno diritto al posto letto aumentano del 24%, passando da 4052 dello scorso anno a 5.063 di quest'anno con un forte aumento degli esclusi che hanno raggiunto quota 1572; nel Lazio la situazione non è migliore, gli idonei aumentano del 32% e i vincitori di posti alloggio sono 1937 a fronte di 3082 idonei non beneficiari. Anche in Puglia - informa Link - i dati sono allarmanti, su un totale di 2987 richiedenti, i posti alloggio sono solo 1873”. E questi dati vanno di pari passo - aggiunge - con il costante aumento degli affitti, che negli ultimi anni, secondo il rapporto di Immobiliare.it, aumentano mediamente del 4%, per una media di 416 euro al mese per una singola e 302 euro al mese per una doppia. «I dati provenienti dalle diverse regioni sulla copertura dei posti letto per studenti idonei alla borsa è estremamente preoccupante, infatti sono sempre di più - afferma Andrea Torti coordinatore di Link coordinamento universitario - gli studenti che restano esclusi dall'assegnazione, seppur idonei, per via della mancanza degli effettivi posti letto». Stesso discorso - segnalano gli studenti di Link - per le borse di studio, con un incremento dei richiedenti e una mancanza di fondi atti a coprire il reale bisogno. L’anno passato, nel Lazio, il numero di Idonei era di 16780 unità, il corrente vede un aumento degli idonei del 24% con 20.790 aventi diritto e, in prima graduatoria solo 10.141 beneficiari. Così anche a Milano, in Bicocca - osserva Link – le domande sono aumentate del 35%, portando il numero di richiedenti da 2660 fino a 3598.


© RIPRODUZIONE RISERVATA