Studenti e ricercatori

Università, oltre 2.300 studenti della Cattolica all'estero per studio e stage

di Al. Tr.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Degli oltre 37mila universitari che nel 2016 hanno scelto un percorso di studi all'estero, più del 6% proviene da università Cattolica. Tra questi, 300 hanno scelto di trascorrere le vacanze partecipando a un Summer Program e 100 sono partiti per un'esperienza di volontariato nei Paesi in via di sviluppo. Sono i dati diffusi nei giorni scorsi dall'ateneo milanese, che ha tracciato un bilancio delle esperienze di mobilità dei propri studenti.

I numeri
Per l'anno accademico 2016/17, in via di conclusione, i dati non ancora definitivi fissano a 2331 il numero degli studenti italiani della Cattolica che hanno scelto programmi di mobilità all'estero come l'Erasmus, l'International Volunteering, i Summer Programs e gli Internships all'estero, registrando un aumento dell'8% rispetto ai 2155 studenti partiti durante l'anno precedente. Tra le mete preferite nel 2016 spiccano Stati Uniti, Regno Unito, Spagna, Paesi Bassi, Francia, Germania, Irlanda, Repubblica Popolare Cinese.
Tra gli studenti che hanno scelto di partire per l'estero, circa 650 hanno frequentato un semestre intero in un ateneo internazionale, 300 che sono partiti per i Summer Programs - corsi intensivi che si svolgono presso le università internazionali durante i mesi estivi - quasi 390 studenti hanno svolto dei corsi di lingua fuori dall'Italia e 482, invece, hanno approfittato dell'opportunità offerta dall'ateneo di svolgere un periodo di stage all'estero presso grandi aziende o presso università, per chi si occupa di ricerca. Senza dimenticare, sottolinea l'ateneo, i 100 giovani impegnati nel volontariato all'estero con i programmi di International Volunteering e Charity, mentre sono 64 i laureandi che fanno ricerca all'estero per la propria tesi.

Crescono le Double degree
Dal 2014 a oggi, spiega l'ateneo, il numero degli studenti che hanno scelto la Double degree - cioè il titolo riconosciuto sia in Italia che all'estero, conseguito all'interno di un percorso che prevede lo svolgimento di una parte del proprio iter accademico in Cattolica ed una parte presso un'università estera - è passato da 69 a oltre 100, con un incremento del 49 per cento.

In aumento gli iscritti stranieri
Sono 3535 gli studenti stranieri che hanno scelto di studiare in Cattolica per l'anno accademico 2016/2017, il 9% del totale degli iscritti, circa 40.215. Nel 2015/2016 la Cattolica ha accolto 3460 studenti internazionali, provenienti da 125 Paesi: dal Kazakistan all'Indonesia, dal Ghana all'Australia.
Nella top 5 dei Paesi di provenienza degli studenti che hanno scelto la Cattolica come destinazione nel 2016, si piazzano gli Stati Uniti, con 532 studenti registrati, la Francia, con 188 iscritti, seguita a stretto giro dall'Albania (180 studenti) e dalla Germania e dalla Cina, rispettivamente con 138 e 110 tra studenti tedeschi e cinesi arrivati in Cattolica.


© RIPRODUZIONE RISERVATA