Studenti e ricercatori

L’Ue cerca la nuova capitale dell’innovazione: in palio 1 milione

L’Unione europea cerca la sua prossima «capitale dell'innovazione». Il commissario Ue alla
Ricerca, Carlos Moedas, ha lanciato la terza edizione del premio assegnato al centro urbano capace di costruire «il migliore ecosistema innovativo, connettendo cittadini, organizzazioni pubbliche, università e imprese».

La città vincitrice del titolo sarà ricompensata con un assegno da un milione di euro da
destinare alle proprie attività innovative. Seconda e terza classificate riceveranno invece 100mila euro. Le amministrazioni pubbliche hanno tempo fino al 21 giugno per candidare la propria città. «Con la competizione di quest’anno vogliamo sottolineare in che modo le città siano capaci di sviluppare nuovi modelli di innovazione e coinvolgere i propri cittadini», ha dichiarato Moedas. Possono partecipare alla gara tutte le città con più di 100mila abitanti
appartenenti a uno Stato membro Ue o a un Paese associato attraverso Horizon 2020, il programma europeo per la ricerca e l’innovazione. Le vincitrici saranno selezionate da una giuria indipendente durante la seconda metà del 2017. Nel 2014 è stata Barcellona a
diventare la prima «capitale europea dell’innovazione», seguita nel 2016 da Amsterdam. A
premiarla la sua visione globale dell'innovazione in quattro aree (economia, governo cittadino, inclusione, qualità della vita). Soddisfazione l’anno scorso anche per l’Italia, con Torino al secondo posto, e 100mila euro di premio; terza Parigi, grazie al suo impegno per diventare hub mondiale per le startup.


© RIPRODUZIONE RISERVATA