Pianeta atenei

Costrette a scegliere tra famiglia e lavoro: per le donne carriera accademica sempre in salita


La carriera accademica in Italia è molto complicata per le donne, sempre più costrette a scegliere tra famiglia e lavoro per l’assenza di misure di welfare adeguate. Lo rivela un progetto condotto dall’università di Pisa, grazie ai finanziamenti europei, che ha sviluppato
un’analisi delle proprie pratiche istituzionali e di ricerca. Il progetto, che a Pisa, ha riguardato i settori di Medicina e Ingegneria, è stato condiviso anche da altri centri di ricerca
di Spagna, Francia, Gran Bretagna e Repubblica Ceca.


Pur essendo la presenza femminile nell’università di Pisa per i diversi ruoli accademici di poco al di sotto della media nazionale, il confronto tra le dinamiche di partecipazione
femminile ai diversi gradi della carriera accademica per i settori individuati evidenzia trend particolarmente preoccupanti, con percentuali significativamente più basse rispetto alla media nazionale.

Il database sviluppato, spiega l’ateneo pisano, «rappresenta un unicum nel suo genere e nasce per permettere l’acquisizione continua di informazioni, integrando le statistiche con una lettura dinamica e a più dimensioni, che vanno dalle modalità di progressione nella carriera, al tempo medio di permanenza in ruolo, dai movimenti nel numero di pensionamenti ai dati relativi alla produttività scientifica: tutti elementi che consentono di vedere dove e quali sono le barriere, come poterle superare attraverso azioni mirate e soprattutto di uscire da un’analisi statica e quantitativa per allargare lo sguardo ai processi che non sono mai neutri, spesso invisibili perché dati per scontati, ma che invece riproducono lo status quo, come dimostrano i dati».


© RIPRODUZIONE RISERVATA