Studenti e ricercatori

Alla Luiss i cinque finalisti del Premio «Non Sprecare»

Dalla sicurezza stradale, alla tutela degli animali indifesi, fino al riutilizzo degli scarti alimentari per l'orto della scuola e alla riqualificazione di spazi comuni. Queste alcune delle idee finaliste della 7° edizione del premio "Non Sprecare" , l'iniziativa curata e ideata dal giornalista e scrittore Antonio Galdo, in partnership con la Luiss Guido Carli, che anche quest'anno ha premiato i cinque migliori progetti contro lo spreco, suddivisi nelle categorie: Personaggio, Aziende, Scuole, Associazioni e Istituzioni, Giovani.

I premi
Il premio prevede la vincita, per ciascuna categoria, di una quantità di prodotti biologici offerti dal gruppo Alce Nero, pari al peso del vincitore.
Oltre 100 le candidature ricevute da ogni parte d'Italia, a testimonianza della crescente attenzione dei cittadini verso i temi dello spreco, declinata quest'anno non solo nelle tradizionali pratiche per il riciclo, ma in una visione più ampia di tutela e rispetto delle risorse, a partire dalla vita umana e di quella degli animali.
È il caso di Smartphoners, la app ideata da un gruppo di ragazzi romani, che premia con buoni benzina fino a 1.500 euro chi guida in maniera intelligente, corretta e responsabile, premiata per la categoria Giovani. Per la categoria Associazioni e Istituzioni, il premio è andato alla onlus Effetto Palla , che con il lavoro della Clinica veterinaria Due Mari di Oristano aiuta tutti gli animali abbandonati e vittime di maltrattamenti. Il nome dell'associazione nasce dalla cagnolina ‘Palla' trovata incastrata e quasi soffocata in una busta di plastica.
La formazione e l'educazione dei giovanissimi è invece al centro dei due progetti selezionati per la categoria Scuola: Rimini Scuole Sostenibili , l'iniziativa didattico-educativa che promuovere un cambiamento condiviso, all'insegna di un futuro rispettoso dell'ambiente che ci circonda e di un'economia più equa, e Da scarti della frutta a fertilizzante per l'orto , il progetto dell'Istituto Tecnico per il Turismo Livia Bottardi di Roma che trasforma gli scarti della frutta della mensa scolastica in fertilizzante naturale da utilizzare per la concimazione dell'orto comune.
Lucart SpA, il gruppo industriale italiano di respiro multinazionale, nato in provincia di Lucca, ha ottenuto il premio Aziende per il progetto Tetra Pak , che realizza prodotti in carta destinati al consumo quotidiano come tovaglioli e fazzoletti attraverso il riutilizzo di fibre di cellulosa che vengono separata dal polietilene e dall'alluminio, mediante un processo produttivo privo di sostanze dannose e non inquinante.
Infine, il riconoscimento Personaggio dell'anno, è stato assegnato ad Antonella Agnoli, bibliotecaria veneziana che con la sua passione è riuscita ad aprire biblioteche in tutta Italia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA