Studenti e ricercatori

Sui banchi a lezione di «buona politica»

di Sergio Fabbrini e Dino Pesole

L’antipolitica si contrasta con la buona politica. E la buona politica la si apprende, al pari di qualsiasi altra arte, scienza o disciplina. La terza edizione del Master in Management Politico organizzato da “Il Sole 24 Ore” e dalla Luiss School of Government partirà il prossimo 24 novembre proprio con questo obiettivo: formare operatori politici dotati delle necessarie competenze per svolgere la loro attività all’interno del sistema politico italiano. Il crescente successo che ha accompagnato le precedenti edizioni del Master ne è la conferma: fondamentale e necessario è il bagaglio di conoscenze e competenze, una sorta di cassetta degli attrezzi, per fare della buona politica, a livello nazionale e a livello locale e territoriale.

Il Master parte quest’anno a pochi giorni di distanza dall’appuntamento elettorale con il referendum costituzionale del 4 dicembre. Il risultato del voto sarà al centro delle analisi e degli approfondimenti dei moduli del Master. Ci si può disinteressare alla politica, ma di sicuro la politica non si disinteressa di ognuno di noi. Ed è anche per questo che occorre colmare il deficit di competenze, ancor prima che di moralità, di cui soffre oggi la politica nel nostro paese. La buona politica è esercizio costante di lettura, interpretazione e guida dei fenomeni che si muovono nella società, delle mille realtà che caratterizzano contesti socio-economici complessi e in costante, rapida trasformazione. La politica, in Italia come altrove, è l’unica attività sociale che può modificare in meglio o in peggio la vita di ogni cittadino. Il marchio di fabbrica del Sole 24 Ore e della Luiss, nelle rispettive aree di attività, è appunto quello delle competenze, dell’approfondimento e della divulgazione delle materie che fanno un buon cittadino e buon politico. Con questo metodo, questa vera e propria religione, il Master prova a contribuire a formare una generazione di politici più attenta e preparata.

Il Master si svolge a Roma in formula part time ed è diviso in tre grandi aree tematiche: istituzioni, della politica e politiche pubbliche. È strutturato in una decina di moduli, ognuno dei quali focalizzato su una specifica tematica. Ai moduli contribuiscono docenti universitari ma anche professionisti politici, come ministri e leader politici, funzionari pubblici, giornalisti, organizzatori di campagne elettorali e della comunicazione politica, esponenti di movimenti sociali e organizzazioni non governative. I moduli prevedono una partecipazione attiva dei frequentanti del Master, anche grazie alla sperimentazione di innovative tecniche didattiche. I partecipanti sono messi nelle condizioni di assumere particolari ruoli politici, di avanzare proposte o strutturare memo da sottoporre a decisori pubblici, di acquisire le necessarie tecniche del processo politico, dal drafting legislativo all'organizzazione di una campagna elettorale. Il Master è organizzato in modo tale da consentire la partecipazione ai suoi moduli anche di chi ha un’attività occupazionale.

Per il Master Management Politico organizzato dalla Business School del Sole 24 Ore e Luiss School of Government, Inps offre 12 borse di studio totali nell’ambito delle iniziative a sostegno della formazione post universitaria e professionale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA