Studenti e ricercatori

L’ateneo di Torino è il primo a rendere accessibile tutti i servizi on line con «Spid»

di Mar.B.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

L’università di Torino è il primo ateno d’Italia a consentire ai suoi 70mila utenti la possibilità di accedere a tutti i servizi telematici tramite Spid, il sistema pubblico di identità digitale lanciato dal governo ad aprile per fornire a tutti i cittadini un solo nome e una sola password per tutti i servizi offerti dalle Pa

Unito ricorre a «Spid»
Da martedì scorso Unito è il primo ateneo italiano ad aver collegato tutta l'infrastruttura del portale al sistema di autenticazione Spid: i suoi oltre 70.000 utenti, di cui circa 67.000 studenti e circa 4.000 dipendenti tra personale docente e tecnico amministrativo, potranno infatti accedere ai servizi dell'università e gestire la propria carriera didattica e lavorativa tramite l’idenità digitale lanciata dal Governo. In realtà a maggio scorso anche l’università la Sapienza di Roma ha aperto le porte all’uso dell’identità digitale, ma solo per i servizi on line dedicati agli studenti (immatricolazioni, pagamento dei bollettini, prenotazioni per gli esami, richiesta di certificati). Con Spid ogni cittadino può limitare il numero di password, chiavi e codici diversi da inserire per accedere ai diversi servizi, e può invece affidarsi ad un unico sistema di login per utilizzare i servizi on line di Pa e imprese e avere così a disposizione una sola chiave di accesso che semplifica le relazioni digitali del cittadino con le istituzioni, garantendo alti standard di sicurezza e affidabilità. Al momento dopo 4 mesi dal suo avvio oltre ad 85 mila identità digitali “spontanee” di cittadini, si contano 293 amministrazioni attive e 648 servizi online accessibili attraverso il nuovo sistema di login.

I servizi accessibili
L’università di Torino, grazie alla collaborazione con Cineca, ha aderito al nuovo sistema di accreditamento Spid, attivato dall’Agid, Agenzia per l’Italia digitale, che certifica in modo sicuro l’identità di ogni utente, e consente l’accesso in rete ai servizi della Pa. L’adesione dell’ateneo si inserisce nel processo di semplificazione già in atto per l’intero portale universitario. I servizi accessibili vanno dal gestionale degli studenti al servizio di posta elettronica, dai servizi di supporto alla didattica agli accessi al materiale di ricerca, dal catalogo delle biblioteche ai sistemi di e-learning fino agli strumenti di lavoro per il personale. «L’università di Torino da tempo investe sul tema dell’identità digitale, presupposto essenziale per accelerare il processo di innovazione e competitività dell’ateneo adeguandosi agli standard più evoluti», ha dichiarato il rettore Gianmaria Ajani. «Cineca ha inteso offrire agli atenei la modalità più efficiente possibile per portare su Spid i propri sistemi e contribuire così al proprio ammodernamento e all'innovazione tecnologica del Paese, con chiari vantaggi sia per gli utenti sia per il funzionamento interno dell’ateneo stesso», ha concluso il presidente del Cineca, Emilio Ferrari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA