Studenti e ricercatori

Roma Tre, con «Didattica aperta» aule e laboratori diventano hi-tech

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24

All'università Roma Tre aule e laboratori diventano hi-tech. Grazie al contributo di 2,35 milioni di euro messo a disposizione dalla Fondazione Roma - pari al 95% del costo totale di 2.473.684 euro - il progetto «Didattica aperta » dell'ateneo romano è diventato infatti realtà. «Grazie a questa innovazione - ha detto il rettore di Roma Tre Mario Panizza - gli studenti potranno beneficiare di un notevole innalzamento dei processi didattici» e il nuovo sistema «valorizzerà la formazione a distanza».

Didattica innovativa
Il progetto, spiegano da Roma Tre - ha coinvolto oltre 200 aule dell'ateneo. Accanto al completamento e all'aggiornamento tecnologico della dotazione base comune (sistema di video proiezione, sistema di diffusione audio e protezione antivandalismo degli apparati), 40 aule sono state dotate di un sistema ad elevata tecnologia per la gestione multicanale delle sorgenti video e audio, l'interazione multimediale e la produzione live'dei contenuti didattici.
Per quanto riguarda i laboratori, invece, sono state aggiornate oltre 600 postazioni informatiche e allestiti spazi per la produzione e postproduzione di materiali didattici multimediali. Grazie al cofinanziamento, poi, nei Dipartimenti sono stati installati pannelli e monitor informativi di nuova generazione con informazioni per gli studenti. E per garantire un'adeguata produzione e fruizione dei contenuti digitali, l'infrastruttura di rete dell'ateneo è stata ampliata e aggiornata, con connessioni ad ad elevata disponibilità di banda (max 10 Gbps).
«Erogare risorse a favore dell'istruzione vuol dire puntare sulle persone, promuovere l'aumento della produttività, incoraggiare il progresso sociale, contribuire a ridurre le diseguaglianze» ha detto il presidente della Fondazione Roma, Emmanuele Francesco Maria Emanuele, sottolineando che « mentre lo Stato taglia, la Fondazione Roma va in direzione contraria».


© RIPRODUZIONE RISERVATA