Studenti e ricercatori

Bando Phd ITalents, boom di candidature per i dottorati in azienda

di Marzio Bartoloni

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Boom di candidature per i dottorati in azienda previsti dal progetto «Phd ITalents» promosso dai rettori della Crui, dal Miur e da Confindustria. Sono ben 10mila le domande arrivate a fine maggio per i 730 posti che sono stati resi disponibili dalle imprese. Comincia ora la fase della valutazione dei candidati più adeguati ai profili individuati dalle aziende.

Le candidature
Il 27 maggio si è conclusa la procedura con cui i dottori di ricerca si sono candidati a un massimo di due fra i 730 posti resi disponibili dalle aziende. Le 10mila candidature sono così ripartite fra le 6 aree tematiche. Energia: 10% (in media circa 13 candidature per offerta); Agroalimentare: 12% (in media circa 18 candidature per offerta); ICT: 14% (in media circa 5 candidature per offerta);Mobilità sostenibile: 2% (in media circa 4 candidature per offerta); Patrimonio Culturale: 16% (a fronte di 39 offerte - in media circa 41 candidature per offerta); Salute e scienze della vita: 46 % (in media circa 31 candidature per offerta). Inizia ora la fase di verifica formale e valutazione delle candidature, che preluderà al matching fra il profilo dei dottori e le caratteristiche delle posizioni offerte dalle imprese. Al termine di questo processo, verranno individuate le combinazioni “offerta di lavoro-dottore di ricerca” ammissibili al cofinanziamento, nei limiti di budget previsti dal progetto.

Il progetto
PhD ITalents è un’iniziativa il cui finanziamento totale è di 16.236.000 euro, di cui 11 milioni stanziati dal Miur attraverso il Fondo Integrativo Speciale per la Ricerca e il resto da privati. Il progetto è gestito da un partenariato composto da Miur, Fondazione Crui e Confindustria. PhD ITalents ha un duplice obiettivo. Da una parte punta a creare opportunità di impiego per giovani dottori di ricerca. Dall’altra, a costruire una community attiva, a sviluppare un modello di placement per i dottori di ricerca e a valorizzare i risultati del progetto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA