Studenti e ricercatori

Tredicesimi al mondo nel ranking dei sistemi universitari, Politecnico di Milano primo ateneo italiano

di Marzio Bartoloni

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Magari non possiamo vantare nessun ateneo tra i primi al mondo, ma come sistema di formazione terziaria il nostro Paese è fra i migliori quindici. L’ultimo ranking universitario, ormai uno sport internazionale tra i più gettonati e contestati, si chiama «Higher Education System Strength » (Hess) pubblicato ieri da «QS - Quacquarelli Symonds». La classifica, che mira a identificare le nazioni con un efficiente sistema universitario, vede l’Italia piazzarsi al tredicesimo posto nel mondo. Con il Politecnico di Milano come migliore ateneo del nostro Paese.

Il nuovo ranking
Sebbene la classifica sia capeggiata dagli Stati Uniti, è l’Europa a dominare la top 10: la Francia (sesta) e i Paesi Passi (settimi) si aggiungono a Regno Unito (secondo) e Germania (terza). I risultati più rilevanti emersi dalla ricerca indicano che gli Stati Uniti sono primi in classifica; nella top-10 appaiono tre nazioni asiatiche, Cina (ottava), Sud Corea (nona), e Giappone (decimo); la nazione dell’America Latina con il sistema universitario più efficiente, nonché l’unica nazione che appare nella Top-20 è l’Argentina, al diciottesimo posto; il Sud Africa, al trentesimo posto, è la nazione che porta a casa il miglior risultato per la regione Africana; quest’anno sono state classificate 50 nazioni, appartenenti a 6 continenti differenti; l’Europa è il continente con la presenza maggiore in classifica con ben 22 piazzamenti fra i migliori 50. La classifica è stata condotta tenendo conto di quattro criteri, a cui è stato assegnato il medesimo peso: l’efficienza del sistema universitario, considerando la prestazione nelle classifiche delle istituzioni universitarie appartenenti alla medesima nazione; l’accessibilità che valuta quanto sia possibile che uno studente talentuoso possa effettivamente trovare un posto in una delle migliori università del proprio Paese, basandosi sul numero di posti disponibili data la dimensione delle istituzioni e della popolazione; il prestigio che tiene conto della performance globale della migliore istituzione accademica nel paese; l’economia che non misura soltanto l’investimento della paese per le proprie istituzioni universitarie, ma anche se questo impiego di risorse si traduce in un miglioramento della qualità dell’ambiente universitario. L’Italia raggiunge il suo miglior risultato nell’indicatore «Accessibilità», piazzandosi sesta al mondo con il punteggio di 93.1 su 100. Parte del successo del sistema universitario italiano è attribuibile alla disponibilità di posti universitari in proporzione al gruppo demografico di studenti che generalmente intraprende un percorso accademico.

Le performance italiane
I ricercatori hanno valutato oltre alla «possibilità di accesso, la forza del sistema», si legge nella presentazione, e hanno anche indicato il miglior ateneo di ciascun Paese: per l’Italia, il top è il Politecnico di Milano, al 187esimo posto (con un balzo in avanti di 42 posti rispetto all’anno passato). Il Politecnico è particolarmente prestigioso per quanto riguarda la facoltà di arte e design e quella di ingegneria: la facoltà di storia dell'arte arte e quella di design, si colloca all’11esimo posto nell’ambito specifico, e quella di ingegneria e tecnologia, che condivide il 24esimo posto con la statunitense Princeton University, una delle 8 stelle della Ivy League. Positiva nel complesso la classifica generale degli atenei italiani, subito dietro il Politecnico, si classifica l’università di Bologna, al 204esimo posto, e appena dietro La Sapienza di Roma, al 213esimo posto. E poi Milano (306esimo), Padova (309) e Politecnico di Torino (314). Nella classifica QS figurano in tutto 26 atenei italiani, 12 dei quali tra i primi 500. «Valutare i sistemi nella loro interezza - commenta John Ò Leary, Editore di «Times Education Guide» e membro dell’Executive Board di QS - non consiste meramente nel valutare le migliori università, in tal caso per esempio, Singapore otterrebbe un risultato migliore di quello che le è stato assegnato, mentre alcune nazioni europee si posizionerebbero più in basso in classifica. Considerare come un unicum qualità e accessibilità dell'istruzione universitaria a livello nazionale è indubbiamente il valore aggiunto di questa nuova ricerca».


© RIPRODUZIONE RISERVATA