Studenti e ricercatori

Dottori di ricerca in azienda, il 14 aprile al via il bando «PhD ITalents»

di Al. Tr.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Si aprirà giovedì prossimo, 14 aprile, il bando dedicato ai dottori di ricerca di PhD ITalents , il progetto gestito dalla Fondazione della Crui su incarico del Miur e in partenariato con Confindustria, che punta a favorire l’inserimento dei dottori di ricerca nelle imprese attraverso un cofinanziamento triennale per la copertura dei costi relativi ai contratti di lavoro attivati.

L’iniziativa
PhD ITalents è un’iniziativa che conta su un finanziamento totale di 16.236.000 euro, di cui 11 milioni stanziati dal Miur attraverso il Fondo integrativo speciale per la ricerca e il resto da privati. Questi fondi saranno utilizzati per offrire ai giovani dottori di ricerca opportunità di lavoro nelle aziende, le quali potranno contare su un capitale umano altamente qualificato per lo sviluppo di percorsi di innovazione.
Il processo di incontro tra domanda e offerta è gestito attraverso due fasi: l’individuazione di imprese interessate ad assumere dottori di ricerca e la selezione dei neo-dottori interessati a intraprendere un percorso lavorativo in azienda. La prima fase, dedicata alla raccolta di offerte da parte delle aziende, si è chiusa lo scorso 30 novembre 2015 con 1.136 posti di lavoro offerti. Una grande adesione che si è concentrata principalmente su 3 aree: Ict, Salute e scienze della vita ed Energia.
A partire da giovedì 14 aprile e fino al 6 maggio 2016, i dottori di ricerca interessati potranno visualizzare sul sito www.phd-italents.it le offerte di lavoro delle imprese e registrarsi sulla piattaforma del progetto, per poter visualizzare le informazioni complete e presentare la propria candidatura. Sulla base di un «matching» fra le offerte pubblicate dalle imprese e le relative candidature dei dottori di ricerca, verranno selezionate le combinazioni ammissibili al cofinanziamento triennale.
Sullo stesso sito diPhD ITalents saranno disponibili tutte le informazioni necessarie alla presentazione delle candidature.


© RIPRODUZIONE RISERVATA