Studenti e ricercatori

Isee e borse di studio, il Miur assicura: in arrivo il decreto contro il crollo degli idonei

di Al. Tr.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Isee e borse di studio, arriverà (anche se in ritardo rispetto al previsto), il decreto Miur di aggiornamento che punta a bloccare il crollo degli idonei dovuto al nuovo metodo di calcolo del reddito. Lo ha assicurato ieri il direttore generale Maria Letizia Melina nel corso di un’audizione informale in commissione Cultura alla Camera. All’esame il nodo del nuovo Isee e il suo impatto sulle borse di studio al centro di tre risoluzioni parlamentari (Ghizzoni, Vacca e Pannarale).

Provvedimento in arrivo
Lo schema di decreto, che doveva arrivare entro la fine di febbraio , dovrà stabilire -ha detto la rappresentante del Miur nel corso dell’audizione - le nuove soglie Isee e Ispe e garantire così, il recupero di quel 21% di giovani che - rispetto allo scorso anno accademico - per effetto del Dpcm 159/2013 si sono ritrovati privi del diritto di accesso alla borsa di studio. Il crollo degli idonei, ha spiegato il direttore generale del Miur, è dovuto al «rafforzamento della rilevanza del patrimonio immobiliare sul reddito delle famiglie», un aumento dovuto anche a rimodulazioni di carattere fiscale che a tutti gli effetti hanno generato «un incremento del valore del patrimonio più nominale che reale».

Il tavolo
Il Miur, che su questo fronte è impegnato su un tavolo al quale partecipano anche ministero del Lavoro, Crui, Codau, Adisu e regioni, punta dunque a recuperare tutti gli esclusi dalle borse di studio di quest'anno, attraverso una «sterilizzazione» dell’indicatore sui patrimoni.
Obiettivo di fondo è arrivare a superare nel prossimo anno accademico le 180mila borse effettive, grazie anche all'iniezione di 55 milioni in più prevista dall’ultima legge di stabilità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA