Studenti e ricercatori

Partnertship tra Sapienza e Tecnimont su ricerca e formazione “green”

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Ricerca ad alto contenuto tecnologico sull’energia e la chimica verde e progetti formazione: sono i due fronti al centro dell’accordo di collaborazione tra Maire Tecnimont e Sapienza di Roma siglato ieri dal rettore Eugenio Gaudio e Fabrizio Di Amato, Presidente del Gruppo Maire Tecnimont, e di Pierroberto Folgiero, Ad del gruppo. Sulla base dell'accordo, la Maire Tecnimont e l’ateneo romano collaboreranno su alcune aree prioritarie nelle quali attivare progetti avanzati, tra cui: la produzione di bio-polimeri, il riutilizzo dell’anidride carbonica come materia prima di base per la produzione di chemicals (polimeri, chimica fine, ecc.) e lo studio di nuovi materiali per applicazioni industriali.

Le partnerhip sulla ricerca
Le attività di ricerca potranno riguardare sia il core business del gruppo che in generale l’energia e la chimica verde, oltre che progetti innovativi in altri settori avanzati. Il progetto immediatamente operativo, finanziato dal gruppo nell'ambito dell’accordo, riguarda il settore della produzione di biopolimeri a partire da scarti agricoli e alghe. Il progetto è parte di un programma pluriennale di ricerca nel quale il gruppo intende svolgere un ruolo di supporto sia finanziario che tecnico, in particolare nell'ingegnerizzazione dei processi produttivi. Le attività saranno sviluppate presso la storica sede romana di Maire Tecnimont (zona Tiburtina) che sarà trasformata in un polo di ricerca applicata del gruppo, mettendo a disposizione dell’università uffici, attrezzature scientifiche e laboratori per la sperimentazione su impianti pilota. Il centro punta a diventare un polo di attrazione per aziende a forte orientamento tecnologico in settori diversi - start-up, spin-off universitari, ecc. - che potranno sfruttare la struttura e di una serie di servizi comuni (sala conferenze, reception, centro stampa, ecc.).

I progetti di formazione
L’accordo con Sapienza prevede, inoltre, l’attivazione di progetti di formazione avanzata rivolta a professionisti e tecnici di paesi esteri in cui opera il gruppo, con particolare riguardo al personale delle «national oil companies» e degli operatori del settore - anche grazie a moduli di formazione a distanza (e-learning). «Siamo molto soddisfatti di aver firmato questo importante accordo con un ateneo così prestigioso come Sapienza» ha dichiarato Fabrizio Di Amato, presidente di Maire Tecnimont «Questa partnership è il segno della propensione del nostro gruppo all’innovazione, che si realizza anche tramite collaborazioni strategiche con il mondo universitario, nella prospettiva di far nascere start-up innovative dai progetti di ricerca sviluppati». «La firma di questo importante accordo di collaborazione - ha dichiarato il rettore Gaudio - è la conferma per il nostro ateneo di una continuativa azione di promozione e incentivazione della sinergia tra didattica e ricerca. Vogliamo che la Sapienza possa essere vista e vissuta come un centro propulsore per le politiche di sviluppo e innovazione del territorio e del mondo produttivo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA