Studenti e ricercatori

Erasmus+, nel 2014-2015 oltre 30mila borse di mobilità per gli universitari. Nuove candidature entro il 2 febbraio 2016

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24
Indire fa il bilancio sul primo anno di sperimentazione del programma e annuncia le novità per il prossimo anno.

Sono oltre 30mila gli studenti, di cui oltre 6mila tirocinanti, che nel 2014/2015 hanno usufruito di una borsa di mobilità Erasmus +, almeno il 10% rispetto al 2013/2014. Sono i dati diffusi dall'Agenzia nazionale Erasmus+ Indire in occasione della conferenza che si apre oggi a Milano, nel corso della quale verranno annunciate le novità dell'edizione 2016 del programma di mobilità internazionale. Prima fra tutte «l'allargamento della partecipazione anche ai Paesi di Africa, Caraibi e Pacifico - fa sapere il direttore di Indire, Flaminio Galli - per attrarre studenti e docenti verso le università europee e allo stesso tempo ampliare il raggio di destinazioni possibili per gli studenti ed i docenti d'Europa».

I numeri del successo
Con gli oltre 30mila studenti partecipanti «il primo anno di Erasmus+ - spiega Indire - ha confermato le aspettative di crescita della partecipazione al programma». Se si guarda all'accoglienza, il nostro paese è al quinto posto dopo Spagna, Germania, Francia e Regno Unito, con circa 20mila studenti europei ospitati nelle nostre università.
Nel 2015, dicono ancora i dati, nuovi istituti hanno ottenuto la Carta Erasmus per l'istruzione superiore, portando a 214 il numero di quanti hanno ottenuto un finanziamento per l'anno accademico 2015/2016 (ai quali vanno aggiunti i 19 Consorzi): 90 università, 100 nell'ambito dell'Alta formazione artistica e musicale - Afam, 15 Its - Istituti Tecnici superiori (per la prima volta eleggibili), 9 scuole superiori per mediatori linguistici.
Numeri che, dice Indire, confermano il successo di un programma che, dal suo debutto nel 1987 a oggi, ha coinvolto complessivamente più di 3 milioni e mezzo di studenti universitari europei. Un record al quale l'Italia ha contribuito per il 10%, piazzandosi tra i quattro principali paesi per studenti in partenza verso diverse destinazioni europee (dopo Spagna, Germania e Francia) e al quinto posto per numero di studenti stranieri ospitati dopo Spagna, Francia, Germania e Regno Unito.
Le mete più gettonate dai nostri studenti in mobilità per studio sono stati la Spagna, la Francia e la Germania. E se la Spagna è al primo posto per numero di tirocinanti italiani ospitati, al secondo e al terzo posto si posizionano, rispettivamente, le aziende britanniche e tedesche.

Le novità per il 2016
Le principali novità per il 2016, fa sapere Indire, riguardano l'ambito della Mobilità internazionale Erasmus+, già avviata nel 2015 ( tutte le info su www.erasmusplus.it/universita/oltre-leuropa/ ): oltre ad includere tra i partecipanti i paesi di Africa, Caraibi e Pacifici, il programma fissa al 2 febbraio 2016 alle 12.00 (ora di Bruxelles) la scadenza per la presentazione delle candidature e ridefinisce la soglia minima di punteggio richiesto a una candidatura ai fini del finanziamento, che quest'anno viene fissata a 60 punti su 100 anziché 70.


© RIPRODUZIONE RISERVATA