Studenti e ricercatori

In palio 25 posti a Tor Vergata per diventare Data scientist

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Venticinque posti in palio per frequentare il primo master che punta a formare una delle figure più ricercate dal mercato del lavoro: il Data scientist. Si sono appena aperte le iscrizioni al master universitario di secondo livello «Big data in business: discovering & leveraging for value creation» organizzato da Tim in partnership con l’università Tor Vergata e con la partecipazione di Ericsson. Il bando scade il prossimo 3 dicembre.

Gli studenti che supereranno l’iter selettivo parteciperanno, gratuitamente, ad un innovativo percorso di formazione che, oltre a valorizzare le capacità individuali, consentirà di sviluppare un nucleo di conoscenze “core” nell’uso dei Big Data, attraverso l’insegnamento di tematiche che spaziano dal computer science, al networking fino all’analisi statistico quantitativa e al business. Numeri e statistiche aiutano a comprendere la realtà, ma servono gli strumenti giusti per analizzarli. L’obiettivo del master è come detto quello di formare una delle figure attualmente più ricercate dal mercato del lavoro: il Data Scientist, ruolo centrale per la creazione di valore nel business in una fase di profonda trasformazione digitale delle industrie. Il bando è già disponibile e rimarrà aperto fino al 3 dicembre 2015. Il master, completamente finanziato dalle aziende sponsor, partirà l’11 gennaio ed avrà un carattere interdisciplinare che lo rende adatto anche a chi non possiede una formazione tecnica. Oltre alla formazione in aula, per i giovani partecipanti al master è previsto un periodo di stage in azienda. L’iniziativa si inserisce nell’ambito degli accordi tra Tim e il mondo accademico volti a dare impulso e ad avvicinare la realtà dell'industria, della ricerca e della didattica universitaria al mondo del lavoro, in un contesto in cui il business dei dati sta diventando un settore chiave per l’economia europea, non solo per lo sviluppo di prodotti e servizi innovati ma anche per l'individuazione di nuove opportunità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA