Studenti e ricercatori

Integrazione dei migranti, con Erasmus+ quasi 400 studenti del Mediterraneo negli atenei italiani

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24
La novità annunciata dall'Indire: i progetti di mobilità riguarderanno giovani provenienti da tutto il pianeta. Progetti per la multiculturalità anche nelle scuole

Accoglienza e inclusione dei migranti, con Erasmus + sono tanti i progetti che in Italia puntano a favorire l'integrazione sociale , con una strategia che comprende scuole e università, ma anche centri per l'educazione degli adulti.

I progetti delle università
Sul fronte universitario, l'anno accademico che sta per iniziare sarà caratterizzato, annuncia Indire, da una piccola «rivoluzione». Gli atenei italiani ed europei accoglieranno studenti Erasmus provenienti da ogni angolo del Pianeta. Per l'Italia questo significa ricevere principalmente studenti del Mediterraneo: saranno 399, provenienti da Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco (che è il Paese che invia più studenti, 82), Palestina, Siria e Tunisia. Gli atenei con il maggior numero di ragazzi provenienti da quest'area sono l'università di Messina con 84 studenti, seguita da «La Sapienza» di Roma e l'Università di Palermo.
Si parlerà di migranti, donne, diritti e cittadinanza attiva, infine, anche nell'ambito del prossimo seminario Epale, la piattaforma elettronica europea dedicata all'educazione degli adulti, in programma a Roma il 7 ottobre.

I progetti nelle scuole
«La sensibilità di un Paese nei confronti dei flussi migratori – dichiara Flaminio Galli, direttore dell'Agenzia nazionale Erasmus+ Indire – si misura anche da attività come queste, che avvengono fra i banchi delle nostre classi, nelle aule delle facoltà italiane e nelle sedi degli istituti che si occupano di educazione degli adulti».
Nei Partenariati strategici – progetti che prevedono la cooperazione fra istituti di almeno 3 Paesi europei – sono numerose le iniziative avviate lo scorso anno dedicate al tema dell'immigrazione. Fra queste, «Stop Discrimination, Start Unification» del Liceo Scientifico «Vecchi» di Trani: il progetto si sviluppa con scuole tedesche, turche e polacche e affronta le problematiche legate alla discriminazione in tutte le sue forme: anagrafiche, sociali, economiche, razziali e di genere. L'obiettivo, spiega l'Indire, è una formazione innovativa e complementare a quella tradizionale, che intende formare le nuove generazioni in un clima multiculturale e libero da pregiudizi e provincialismi di ogni genere.
Con eTwinning, un gemellaggio elettronico fra istituti scolastici dal titolo «Nous sommes citoyens de l'Europe!» realizzato dal prof. Vincenzo Marturano con una classe della scuola media «Foresti di Conselice» di Ravenna, si approfondisce il tema della migrazione dei popoli, coinvolgendo varie discipline: storia, educazione alla cittadinanza, geografia, arte, musica, italiano e tecnologia. Le attività sono finalizzate a comprendere le ragioni dell'immigrazione per meglio tollerare, accogliere ed integrare i ragazzi, le ragazze e le famiglie che arrivano durante il corso dell'anno da quelle terre che non offrono più nulla per il loro avvenire.
Si chiama Valorize High Skilled Migrant, invece, il progetto coordinato dalla Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri Onlus di Torino e rivolto a migranti adulti con competenze professionali medio-alte, che faticano a entrare nel mondo del lavoro o riescono ad accedere solo a posizioni lavorative molto al di sotto delle proprie possibilità. Le attività, sottolinea Indire, prevedono lo sviluppo di competenze chiave, ad esempio linguistiche, e capacità di avviare microimpresa: fra i prodotti finali del progetto, anche lo sviluppo di un modello di promozione e autopromozione verso le aziende con l'utilizzo dei principali social media e del video curriculum.


© RIPRODUZIONE RISERVATA