Pianeta atenei

L’Mba mette il turbo alla carriera

di Alberto Magnani

L’esperienza spiana la strada. Ma un Mba fa spiccare il volo. Le business school italiane arricchiscono la propria offerta di master of business administration, i programmi di specializzazione manageriale per executive – e non solo - in cerca di un’evoluzione lavorativa. L’investimento paga? Le statistiche dicono di sì, da stipendi raddoppiati a «progressi di carriera» per almeno l’80% degli allievi. Anche l’offerta è in crescita, dalle “magnifiche sette” accreditate dall’Associazione italiana per la formazione manageriale (Bologna Business School, Fondazione Cuoa, Luiss Business School, Mib, Mip - Politecnico di Milano, Scuola di amministrazione aziendale dell’università di Torino e Sda Bocconi) agli impulsi innovativi di realtà che guardano ai nuovi trend di mercato. Tra gli istituti che hanno già collezionato riconoscimenti internazionali c’è la Sda Bocconi, presenza fissa nei ranking Financial Times. Il suo full-time Mba, al via ad ottobre 2016, concentra in 12 mesi una «metodologia attiva» che passa per analisi dei casi, business game e simulazioni. Accanto al cuore didattico di management e innovazione, i partecipanti sono liberi di affinare il curriculum con studi calibrati sulle proprie vocazioni. Qualche numero sugli ex allievi? Percentuali di occupazione dell’85% a tre mesi dal diploma e stipendi lievitati del 121% rispetto alla media pre-master.

Spostandosi a Roma, la Business school della Luiss prevede una “ristrutturazione” del suo programma Mba per il 2016. Nell’attesa, sono pronti al lancio quattro laboratori: il creativity lab per l’imprenditorialità creativa, il Big data lab per accelerare sulle tecniche di business analytics, l’Ers (etica, responsabilità sociale, sostenibilità) in chiave di equilibrio business-impatto sociale e il soft skills lab per lo sviluppo di competenze relazionali e di leadership. Se il dubbio è tra programmi a distanza o in presenza, il Mip del Politecnico di Milano offre entrambi. In un unico corso: il Flex Emba, pronto a sbarcare a Roma, è il primo Mba per executive svolto quasi per intero via web. La piattaforma di digital learning (apprendimento digitale), sviluppata con Microsoft, consente ai partecipanti assorbiti dal lavoro di seguire l’80% delle lezioni online e il restante 20% in aula. L’efficacia resta elevata, se si considera che 8 allievi su 10 hanno centrato progressi il salto a ruoli dirigenziali e top management. Più intensiva l’organizzazione dell’International Full Time Mba, con un network di 30 aziende e un pacchetto di “Boot camp” (lezioni intensive) ad alto tasso di innovazione: tra i temi di discussione emergono “l’internet delle cose”, i big data e prospettive di crescita per la manifattura smart. Sempre di profili internazionali si parla nei programmi di due istituti storici come Fondazione Cuoa di Altavilla Vicentina (Vicenza) e il Mib-School of Management (Trieste). Il Cuoa offre un Mba internazionale, in forma part-time e full-time, con la collaborazione della University of Michigan (Stati Uniti): un’esperienza didattica sui due lati dell’Oceano che insegna la lettura dell’impresa, dallo studio tecnico dell’accounting al management strategico.

Il Mib ribadisce la vocazione internazionale con il suo Mba in Global Business, supportato da un fitto network di aziende e orientato agli sviluppi sui mercati esteri. E proprio le opportunità emergenti trainano l’offerta di Executive Mba del Sole 24 Ore e Altis-Università Cattolica del Sacro Cuore, programma di 18 mesi guidato da tre linee direttrici: nuovi mercati (dai Brics alle economie a più alto tasso di crescita), innovazione e imprenditorialità (l’evoluzione digitale del mercato) e sostenibilità (la leadership di fronte alle sfide ambientali che incalzano i modelli di produzione). E se si ambisce allo studio in un istituto estero con sedi (e didattica) in Italia? Il Cimba (Consortium Institute of management and business analysis), consorzio di 34 università americane, ha scelto Paderno del Grappa (Vicenza) come sua sede europea. L’istituto offre un Mba nella doppia formula full time e part time, con mese finale alla University of Iowa e titolo rilasciato dallo stesso ateneo americano. Infine, l’Escp Europe: la business school, con quasi due secoli di storia e cinque campus sparsi in Europa, offre l’opportunità di svolgere i suoi 18 mesi di master part time sia a Torino che nelle sue sedi di Parigi, Londra, Madrid e Berlino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA