Studenti e ricercatori

Torna la settimana della scienza: si parte a Roma con “maxi trivial pursuit” scientifico

di Mar.B.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Dal 20 al 25 Settembre torna l’atteso appuntamento con la Settimana della Scienza: seminari scientifici, mostre, laboratori, visite guidate nei Centri di Ricerca, si svolgeranno in tutta Italia con l'obiettivo di divulgare la scienza al grande pubblico e rendere piu' familiare la figura del ricercatore e il mondo della ricerca. La settimana si concluderà il 25 settembre con la notte europea dei ricercatori , un evento che si svolge ogni anno in tutta Europa l’ultimo venerdì di settembre.

L’iniziativa in tutta Europa
La notte dei ricercatori è un’iniziativa promossa dalla Commissione europea fin dal 2005 che coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei. L'obiettivo è di creare occasioni diincontro tra ricercatori e cittadini per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto informale e stimolante. Gli eventi comprendono esperimenti e dimostrazioni scientifiche dal vivo, mostre e visite guidate, conferenze e seminari divulgativi, spettacoli e concerti.
L’Italia ha aderito all'iniziativa europea con diversi progetti che ne fanno tradizionalmente uno dei paesi europei con il maggior numero di eventi sparsi sul territorio. Per il 2015 il progetto coinvolge in Italia 4 progetti per un totale di 22 città. L’evento lancio de «La notte europea dei ricercatori» sarà “The Science Pursuit”, un Trivial Pursuit scientifico che si terrà a Roma il 20 Settembre e che coinvolgerà centinaia di partecipanti in una sfida all’ultima domanda con prove di biologia, chimica, architettura, elettronica, fisica, informatica, astronomia, matematica.

I progetti in Italia
Molti gli eventi dedicati alle scuole e ai più giovani; ma non solo, spazio anche ad aperitivi scientifici e alle tavole rotonde. L’organizzazione è affidata a «Dreams», il primo progetto classificato in Europa, pensato e realizzato dall'Associazione Frascati Scienza che può contare sul supporto dei più importanti istituti di ricerca e atenei italiani (Asi, Cnr, Enea, Ego Virgo, Esa-Esrin, Inaf, Infn, Ingv, con Sapienza, Tor Vergata e l’’univeresità Roma Tre) e il sostegno dell’Unione europea e che coinvolge diverse città italiane: Roma e Frascati, Trieste, Bologna, Milano, Ferrara, Bari, Cagliari, Pavia e Pisa. Partner d'eccezione inoltre è l’ospedale pediatrico Bambino Gesù che, oltre alle consuete visite didattiche dei laboratori di ricerca e l’incontro con i ricercatori dell’area metterà a disposizione i propri medici per avere informazioni e svolgere diversi test diagnostici gratuiti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA