Studenti e ricercatori

Giannini: «Meno aspiranti medici ai test? È un dato positivo»

S
2
4Contenuto esclusivo S24

«La riduzione degli aspiranti alla facoltà di Medicina è un dato positivo, non negativo». Lo sostiene il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, a pochi giorni dal test di ammissione previsto il prossimo 8 settembre quando sono attesi circa 60mila candidati per 9.530 posti in tutto.

«Due anni fa - ha ricordato il ministro - avevamo avuto quasi 90mila aspiranti per Medicina su 230mila immatricolati. Questo vuol dire che c’è qualcosa che non funziona, che l’orientamento alla professione del medico, che è molto particolare, non è stata accompagnata da un processo di orientamento come avviene negli altri Paesi. Per me - ha concluso la titolare del Dicastero di viale Trastevere - su 10mila posti a Medicina dovremmo avere tra 30mila e 35mila aspiranti, come accade in Francia». In questo senso al ministero i tecnici stanno lavorando a un intervento per potenziare l’orientamento tra gli studenti già negli anni del liceo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA