Studenti e ricercatori

Giornata europea delle Lingue al via, con Erasmus+ in arrivo 15 miliardi per la mobilità

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24
Il ministro Giannini e la Commissaria Ue Vassiliou hanno presentato ieri a Firenze la manifestazione Ue che promuove la diversità linguistica

Una 24 ore di eventi per promuovere la diversità culturale linguistica dell’Europa e promuovere l’apprendimento permanente delle lingue. Con questi obiettivi si celebra oggi in tutto il Vecchio Continente la Giornata europea delle lingue, la manifestazione lanciata per la prima volta nel 2001 da Bruxelles e che ogni anno offre a studenti, docenti e cittadini l’opportunità di scoprire che le lingue sono divertenti e che il multilinguismo può aprire le porte a opportunità di lavoro. Nell'Unione , infatti, alle 24 lingue ufficiali si aggiungono circa 60 lingue regionali e minoritarie e oltre 175 lingue parlate dai migranti.

Le iniziative in giro per l'Europa
Un bar dedicato a Budapest, concerti multilingue a Zagabria e Vilnius, una sessione di conversazione a Praga, una mostra itinerante a Parigi con traduzioni dell'Odissea di Omero e mini-corsi di lingua nelle biblioteche di Berlino: sono solo alcuni degli eventi previsti per oggi e nel corso della prossima settimana nell’ambito della manifestazione, mentre l’evento di punta per l’Italia si è tenuto ieri a Palazzo Vecchio a Firenze, dove la commissaria , Commissaria europea responsabile per l'Istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù, Androulla Vassiliou, e il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, hanno partecipato alla conferenza «L’importanza delle lingue: il multilinguismo visto da una prospettiva europea e nazionale», organizzata dalla Commissione sotto l'egida della Presidenza italiana dell’Ue e in collaborazione con l'Accademia della Crusca. «Il messaggio europeo passa anche attraverso le lingue, perchè le lingue esprimono in maniera netta un tratto simbolico di diversità o comunanza - ha dichiarato Giannini - e il multilinguismo va promosso, per incrementarlo: è un obiettivo comune sia delle istituzioni a livello nazionale che di quelle dell'Unione Europea».

Il ruolo di Erasmus+
Sempre a Firenze, la storica Piazza Ognissanti fa da sfondo a eventi per promuovere iniziative finanziate dall'Unione per sostenere l'apprendimento delle lingue, come Erasmus+, il programma di formazione e mobilità che può contare su un bilancio di quasi 15 miliardi di euro - il 40% rispetto ai precedenti livelli di spesa - e che con la nuova programmazione offrirà sostegno linguistico on line gratuito a tutti i partecipanti ad azioni di mobilità a lungo termine (almeno due mesi all'estero). Il sostegno online sarà in inglese, francese, tedesco, spagnolo, italiano e olandese. «Erasmus+, il nuovo programma dell'Unione europea per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport - ha detto la commissaria Vassiliou - consentirà a quattro milioni di persone di studiare, seguire una formazione, insegnare o fare volontariato all'estero, e il miglioramento delle competenze linguistiche costituisce uno dei grandi vantaggi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA