Studenti e ricercatori

A lezione di impresa digitale: dalla Federico II il bando per formare 35 studenti

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24
L’iniziativa del laboratorio «CLab» realizzata con Miur e Mise - Domande entro il 15 ottobre

Un laboratorio universitario di «contaminazione» tra le diverse discipline per promuovere la cultura dell’imprenditorialità tra i giovani e sostenere l’avvio di nuove startup. Sono gli obiettivo del laboratorio CLab dell’università Federico II di Napoli, che, in collaborazione con Miur e il Mise, lancia il bando che offre a 35 studenti percorsi formativi gratuiti e un concreto link con aziende e investitori per sviluppare idee di impresa innovative e digitali.

Le istituzioni coinvolte
Il CLab Napoli, con il coordinamento scientifico del professor Derrick de Kerckhove dell'Ateneo Federico II, nasce inoltre in sinergia con l'Assessorato ai Giovani, innovazione e creatività del Comune di Napoli, il Dipartimento DIcDEA, di Ingegneria civile, design, edilizia e ambiente della Seconda Università, la Fondazione Idis-Città della scienza di Napoli, e conta diversi partner provenienti dal mondo delle imprese, dei new media e dell'industria culturale, tra cui Ninja Marketing Srl, Na-StartUp, MAD Entertaiment, Inward, API – Associazione piccole e medie industrie di Napoli, Hiltron Srl.
«I giovani selezionati - spiega Lello Savonardo, Referente di Ateneo per il CLab - avranno l'opportunità di sviluppare idee di impresa, anche attraverso l'utilizzo delle tecnologie digitali della comunicazione, nel confronto con professionisti, esperti, associazioni imprenditoriali, istituzioni, investitori. Il CLab Napoli ha l'obiettivo di valorizzare le diverse forme di creatività giovanile per promuovere nuove forme di imprenditorialità e con l'obiettivo di formare, negli studenti partecipanti, una cultura digitale di impresa».

Le modalità di accesso
Il laboratorio Lab è aperto agli studenti di tutte le università del territorio, del Conservatorio di musica San Pietro a Majella e dell'Accademia di Belle arti di Napoli. Nell'ottica della contaminazione, 5 posti sono inoltre dedicati a giovani non iscritti all’università, provenienti dal mondo delle imprese e delle professioni.
Per partecipare alle selezione, i giovani candidati dovranno presentare un proprio progetto in uno dei quattro settori del CLab: «Green Economy»; «Smart Technology»; «Arte e Design»; «Media e industria culturale».
Il termine per le iscrizioni scade il 15 ottobre. Il bando è disponibile al link
http://www.scienzesociali.unina.it/uploads/2014/09/bando-studenti-CLab-Napoli_1.pdf


© RIPRODUZIONE RISERVATA