Studenti e ricercatori

Borse di studio Bankitalia per gli economisti che vogliono perfezionarsi all'estero

di Marzio Bartoloni

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Anche quest'anno la Banca d'Italia lancia il suo tradizionale bando per l'erogazione di borse di studio a giovani laureati aspiranti economisti che vogliono perfezionarsi all'estero (e per due borse anche in Italia). In tutto sono sette borse dal valore di 24mila euro ciascuna e per partecipare bisogna possedere una laurea con un punteggio di 110/110 e la conoscenza di una o più lingue straniere. La scadenza per presentare le domande online sull'appositasezione del sito di Bankitalia è il 13 ottobre.

Previste tre tipologie di borse di studio
Nel bando di Bankitalia sono messe a concorso tre borse "Bonaldo Stringher" destinate al perfezionamento degli studi all'estero nel campo dell'economia politica e della politica economica; due borse "Giorgio Mortara" per il perfezionamento degli studi all'estero sulle metodologie matematiche, statistiche ed econometriche, principalmente finalizzate all'analisi delle istituzioni, dei mercati e degli strumenti finanziari e della loro regolamentazione;due borse "Donato Menichella" indirizzate al perfezionamento degli studi in Italia o all'estero sulle interrelazioni tra crescita economica e ordinamento giuridico nonché sugli impatti della regolamentazione sulle attività economiche.
Possono candidarsi cittadini italiani o di un altro Stato membro dell'Ue, in possesso di laurea specialistica/magistrale, laurea quadriennale o di durata superiore conseguita dopo il 31 luglio 2012 – con un punteggio non inferiore a 110/110 – presso un'Università o un istituto superiore italiani. I candidati devono possedere un'ottima conoscenza della lingua straniera utilizzata nei corsi universitari prescelti. Nella valutazione delle candidature verrà posta particolare attenzione al merito della tesi di laurea e all'attitudine all'attività di studio e ricerca «nonché al programma degli studi e delle ricerche che i candidati si prefiggono di compiere». Le candidature vanno inviate entro le 18 del prossimo 13 ottobre. Le borse di studio saranno assegnate entro il mese di dicembre.

Per i più meritevoli progetti di ricerca all'interno dell'Istituto
Le borse comportano l'obbligo di frequenza, per l'anno accademico 2015/2016, di un corso universitario di perfezionamento, di durata non inferiore a 9 mesi. La borsa di studio ha un valore di 24mila euro comprensivo di spese di viaggio e di assicurazione contro le malattie. Le tasse universitarie e quelle eventuali di soggiorno restano a carico della Banca d'Italia. I vincitori delle borse di studio "Bonaldo Stringher", al termine del primo anno di corso, potranno chiedere il rinnovo del finanziamento per il successivo anno. La Banca d'Italia si riserva la facoltà di convocare i vincitori e i candidati particolarmente meritevoli per l'anno accademico 2015/2016 a selezioni per il conferimento di borse di avviamento alla ricerca della durata di tre mesi prorogabili fino a sei e da fruire all'interno dell'Istituto. Non finisce qui. Bankitalia potrà anche di convocare gli assegnatari delle borse di studio a sostenere una specifica prova d'esame per l'assunzione in esperimento nel grado di coadiutore; la prova potrà essere sostenuta per una volta sola, al termine dell'anno accademico 2015/2016 oppure al termine del successivo anno accademico 2016/2017.


© RIPRODUZIONE RISERVATA