Studenti e ricercatori

Start up «green», la Luiss ospita la quinta edizione del premio «Non sprecare»

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24
L'ateneo romano in campo per promuovere i progetti sostenibili realizzati dagli under 30. Scadenza: 15 ottobre 2014

Sarà la Luiss, uno fra gli atenei più «green» d'Italia a ospitare la quinta edizione del Premio «Non sprecare», il concorso di idee che promuove idee e progetti sostenibili ideato da Antonio Galdo, direttore del sito www.nonsprecare.it .
La competzione premia le buone pratiche che favoriscono consumi consapevoli e responsabili, nuovi stili di vita semplici e partecipativi e, soprattutto, una sana e stabile crescita economica che si traduca in un effettivo progresso sociale.

Cinque sezioni
L'iniziativa si rivolge a diversi segmenti della società civile e si articola in cinque sezioni (Personaggio, Aziende, Istituzioni e Associazioni, Scuole, Giovani) rivolte a persone fisiche o giuridiche che abbiano realizzato, nel 2014, originali e utili iniziative "anti spreco". La sezione Giovani, all'esordio quest'anno, si rivolge a singoli o gruppi di persone, di età compresa fra i 20 e 30 anni, che presentino idee innovative per possibili start-up future o potenziali iniziative sociali nei settore della green e sharing economy.
Per la prima volta, il Premio si avvale quest'anno della collaborazione della Luiss Guido Carli di Roma, perché, come spiega il suo Direttore Generale, Giovanni Lo Storto, «la sostenibilità economica, sociale e ambientale è un obiettivo particolarmente sentito dall'università, che è attivamente impegnata, a livello didattico come di ricerca, nella diffusione e nell'applicazione dei suoi principi dentro e fuori i confini dell'ateneo».
L'ateneo romano ha infatti condotto diversi studi che rivelano come, per esempio, nel nostro Paese venga sprecato il 50% del peso totale dei prodotti alimentari: secondo i dati si gettano oltre 25 tonnellate di beni alimentari all'anno, il cui costo si aggira intorno ai 30 miliardi di euro (pari al 2% del Pil).

Candidature on line
Oltre che della partnership con la Luiss, che organizzerà e ospiterà la cerimonia di consegna del premio il 26 Novembre 2014, l'iniziativa si avvale di importanti collaborazioni il ministero dell'Ambiente, la Fao–Save Food Initiative, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), la Rai Radio1, l'università La Sapienza di Roma, il Gruppo editoriale Banzai, e la Fondazione Catalano .
Le candidature possono essere presentate sul sito http://www.nonsprecare.it/premio
Le proposte dovranno pervenire entro il 15 ottobre 2014. Il vincitore di ciascuna sezione riceverà prodotti biologici pari al suo peso corporeo


© RIPRODUZIONE RISERVATA