Studenti e ricercatori

Dal Comitato Leonardo 10 premi di laurea per le tesi sul Made in Italy

di Eugenio Bruno

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Il Comitato Leonardo bandisce 10 premi di laurea destinati a giovani laureati che abbiano sviluppato tesi su argomenti rilevanti per il successo del Made in Italy nei settori moda, design nautico, energie rinnovabili, oreficeria, meccanica e valorizzazione del patrimonio culturale. Si ripete così un'iniziativa che viene promossa dal 1997 e che ha permesso fin qui di sostenere oltre 200 brillanti laureati di altrettanti istituti universitari in tutto il Paese.

I 10 bandi bandi indetti per il 2014
I bandi sono visionabili al seguente link: http://www.comitatoleonardo.it/it/premi-di-laurea/premi-di-laurea-comitato-leonardo . A metterli a disposizione sono i soci del Comitato Leonardo che finanziano i Premi 2014 sono: Bonfiglioli Spa, Centro di Firenze per la Moda Italiana, Consorzio Orafo il Tarì, Corneliani Spa, Fondazione Bracco, Fondazione Manlio Masi, Gestore Servizi Energetici - Gse, LiuJo Luxury, Perini Navi Spa e Simest Spa. Per ognuno è previsto un premio di laurea di 3.000 euro ad eccezione di quello promosso da Bonfiglioli Spa che ha deciso di offrire al vincitore un periodo di stage presso una delle proprie sedi in Italia e all'estero. Per partecipare ad uno o più bandi sarà necessario inviare il modulo di iscrizione al concorso, insieme alla ricerca in formato elettronico e ad una breve sintesi della stessa, alla Segreteria Generale del Comitato Leonardo (via Liszt 21, 00144 Roma – segreteria@comitatoleonardo.it) entro e non oltre il 31 Ottobre 2014. La premiazione avrà luogo al Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica.

Le ragioni dell'iniziativa
Il Comitato Leonardo, presieduto dall'imprenditrice Luisa Todini, è nato nel 1993 su iniziativa comune di Sergio Pininfarina, di Gianni Agnelli, di Confindustria, dell'Ice e di un gruppo d'imprenditori che avevano l'obiettivo di promuovere l'Italia come sistema Paese attraverso varie iniziative, volte a metterne in rilievo le doti di imprenditorialità, creatività artistica, raffinatezza e cultura che si riflettono nei suoi prodotti e nel suo stile di vita. un obiettivo ancora attuale, come sottolinea Luisa Todini: «Da 17 anni, grazie alla preziosa collaborazione dei nostri soci, sosteniamo i laureati più brillanti che con le loro tesi raccontano il meglio del made in Italy in settori in cui il nostro Paese vanta primati di eccellenza al livello mondiale. In questo momento di difficile ripresa economica - aggiunge - è assolutamente prioritario riconoscere e valorizzare le idee ed i progetti delle giovani generazioni. Il futuro del manifatturiero italiano - conclude - si gioca anche sulla capacità di coltivare oggi il talento e la creatività dei giovani, affinché un domani possano mantenere alte l'eccellenza e la qualità made in Italy nel mondo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA