Famiglie e studenti

Benefits, musei, viaggi d’istruzione: così vanno premiati gli studenti “eccellenti”

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Arriva il decreto del Miur che riepiloga i criteri e le forme di premiazione degli studenti che hanno partecipato al programma annuale 2016/2017 per la valorizzazione delle eccellenze che, come noto, individua le competizioni, nazionali e internazionali, ripartite nei diversi ambiti disciplinari dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado e stabilisce i criteri utili alla determinazione del quantitativo massimale di studenti beneficiari per ciascuna competizione.

Come premiare i ragazzi
Il provvedimento spiega in particolare come la premiazione dei ragazzi dovrà essere effettuata dal dirigente scolastico dell'istituto frequentato secondo le forme di incentivo previste dall'articolo 4 del decreto legislativo n. 262 del 29 dicembre 2007, vale a dire:
a) benefit e accreditamenti per l’accesso a biblioteche, musei, istituti e luoghi della cultura;
b) ammissione a tirocini formativi;
c) partecipazione ad iniziative formative organizzate da centri scientifici nazionali con
destinazione rivolta alla qualità della formazione scolastica;
d) viaggi di istruzione e visite presso centri specialistici;
e) benefici di tipo economico;
f) altre forme di incentivo secondo intese e accordi stabiliti con soggetti pubblici e privati.

Spetterà all’Indire provvedere all’inserimento dei dati relativi agli studenti meritevoli nell’Albo Nazionale delle Eccellenze.


© RIPRODUZIONE RISERVATA