Famiglie e studenti

Con Memory Safe oltre 43mila studenti a lezione di sicurezza

di Al. Tr.

Sicurezza a scuola, sono oltre 43mila gli studenti coinvolti nel progetto Memory Safe di Indire, l'iniziativa che - grazie a un finanziamento del ministero del Lavoro - dal 2015 a oggi ha assegnato 4 milioni di euro a 1.342 soggetti, tra scuole, enti e associazioni di categoria, selezionando 41 progetti tra 203 candidature finanziabili. Sono i numeri presentati ieri in occasione del convegno "Memory Safe: cultura della sicurezza" , l'evento al quale hanno partecipato il direttore Indire, Flaminio Galli, insieme con Giovanna Boda, Capo Dipartimento per le pari opportunità della Presidenza del Consiglio, Franco Bettoni, Presidente Nazionale Anmil Fabio Pontrandolfi, Area Lavoro e Welfare di Confindustria, Michele Lepore, docente di Diritto della sicurezza sul lavoro alla Sapienza di Roma. Nel corso della giornata sono stati premiati gli istituti scolastici che hanno preso parte al progetto.

La cultura della sicurezza
Partire dalla scuola per educare le future generazioni alla cultura della sicurezza, della prevenzione e della salute. Questi gli obiettivi delle attività di Indire, che prendono spunto dagli ultimi dati Inail, secondo i quali in Italia nel 2016 si sono registrati 641.345 infortuni sul lavoro, 16.557 malattie professionali e 1.104 vittime derivanti dagli incidenti. A livello europeo, secondo una ricerca dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (Ilo) realizzata con altri partner stranieri, il costo stimato per gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali sostenuti dai paesi dell'Unione è pari a 476 miliardi di euro all'anno, che equivale al 3,3% del Pil Europeo.
Il progetto Memory Safe, grazie agli strumenti introdotti dal Testo Unico sulla Sicurezza sul lavoro (Legge 81/2008), ha rappresentato «una grande occasione per diffondere le buone pratiche in tema di prevenzione e cultura della sicurezza», spiega Indire, con un impatto su oltre 43 mila studenti, 3.100 docenti e 2.175 classi nelle scuole italiane.


© RIPRODUZIONE RISERVATA