Famiglie e studenti

Arrivano le borse di studio da 200 a 500 euro per combattere la dispersione

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Pronto il decreto del ministero dell’Istruzione che istituisce, in attuazione del decreto sul Diritto allo studio previsto dalla Buona Scuola, le borse di studio per gli studenti delle superiori per contrastare la dispersione scolastica.

Il decreto
Il provvedimento, quattro articoli in totale, inviato la scorsa settimana in Conferenza unificata, conferma, per quest’anno, 30 milioni di euro a disposizione per l’iniziativa, ripartiti tra le regioni: la Campania, in testa, potrà contare su 5,1 milioni, la Sicilia su 4,3 milioni, il Lazio su quasi 2,9 milioni, Puglia e Lombardia su 2,7 milioni, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Calabria, su 1,5 milioni, circa).

Le domande
Toccherà alle Regioni individuare gli importi delle borse di studio che, comunque, non possono essere inferiori a 200 euro e superiori a 500 euro, spiega il Miur. Possono fare domanda gli studenti delle superiori, o, se minorenni, i loro genitori, con Isee non superiore a 15.748,78 euro. La somma verrà erogata mediante voucher, e potrà essere utilizzata per l’acquisto di libri di testo, di soluzioni per la mobilità e il trasporto, per l’accesso ai beni e servizi di natura culturale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA