Famiglie e studenti

Fedeli: a dicembre stati generali dell’alternanza

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Per rilanciare il link scuola-lavoro, con l’avvio del nuovo anno la formazione “on the job” è divenuta obbligatoria anche in quinta superiore (coinvolgerà, in tutto, circa 1,5 milioni di ragazzi), sono in arrivo tre novità: a dicembre la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, ha annunciato l’ intenzione di voler lanciare gli «Stati generali dell’alternanza»: «Serviranno a fare un primo bilancio della misura, ascoltando tutti i soggetti coinvolti, e a individuare le specifiche azioni per migliorarla». Dopo l’ok del consiglio di Stato è poi pronta la carta con i diritti e i doveri degli alunni in alternanza; e «a giorni» con il ministro Giuliano Poletti e il presidente di Anpal, Maurizio Del Conte, si firmerà pure un accordo per introdurre mille tutor territoriali «per facilitare l’incontro tra istituti scolastici e mondo del lavoro».

Alla Summer School di Lavoro&Welfare
La ministra dell’Istruzione ha parlato domenica mattina alla giornata conclusiva della Summer School di Lavoro&Welfare - il think thank sul lavoro diretto da Cesare Damiano e Giovanni Battafarano. L’alternanza non è solo orientamento, ma una vera e propria esperienza formativa e didattica ha spiegato la titolare del Miur. E per questo è fondamentale che sia svolta bene, e che i progetti, messi a punto assieme, da scuole e imprese, siano di assoluta qualità.

Un bottone rosso anti-abusi
Per contrastare possibili usi distorti la ministra Fedeli ha poi detto che nella piattaforma ad hoc sull’alternanza ci sarà un «bottoncino rosso» per consentire ai rappresentanti degli studenti di segnalare eventuali abusi, su cui poi interverrà il ministero. «Stiamo interloquendo pure con Inail - ha concluso Valeria Fedeli - per fornire a presidi e tutor scolastici un video sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Un altro strumento che andrà a vantaggio dei ragazzi, e dell’esperienza formativa on the job che, lo ripeto, va svolta con attenzione e bene».


© RIPRODUZIONE RISERVATA