Famiglie e studenti

La carica dei 650mila prof a caccia di supplenze

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Sarà l’elevato tasso di disoccupazione giovanile, che continua a sfiorare il 40 per cento. O una ritrovata “passione” per l’insegnamento nella scuola italiana. O più realisticamente la fame di lavoro che c’è in Italia. Sta di fatto che al consueto aggiornamento triennale delle graduatorie d’istituto, seconda e terza fascia, quelle per capirci da cui i presidi attingono per le supplenze brevi, c’è stato un vero e proprio boom di istanze: ne sono arrivate circa 650mila, spiegano dal ministero dell’Istruzione. Un numero elevatissimo, che in questi giorni sta dando non poco da fare alle segreterie scolastiche chiamate a completare le procedure di inserimento nelle graduatorie.

I nuovi ingressi
La fetta principale di “nuovi ingressi” è in terza fascia: qui non è richiesta l’abilitazione, ma il semplice possesso del titolo di studio valido per insegnare (da precario, e a chiamata) una determinata classe di concorso (materia). È possibile che moltissimi neolaureati abbiano fatto domanda per la terza fascia, un pò anche per non precludersi una possibile chance lavorativa. Ma questa possibilità è stata fatta anche da molti disoccupati, persone magari over40 che hanno perso il lavoro, e sperano di trovarne un altro. Per la seconda fascia invece è richiesta l’abilitazione (qui magari la richiesta è arrivata da i vari abilitati sul sostegno o dai vincitori di contenzioso). La prima fascia delle graduatorie, le cosiddette Gae, non sono interessate da questo “assalto”, in quanto sono a esaurimento e i circa 50mila docenti ancora inseriti saranno tutti assunti nel tempo (intanto, lavorano con contratto annuale).

A settembre tocca alle graduatorie Ata
Adesso le scuole dovranno perfezionare queste 650mila domande ricevute: gli aspiranti professori dovranno indicare entro il 25 luglio le 10-20 scuole, a seconda del grado di istruzione, dove poter essere eventualmente chiamati. E, se non l’hanno già fatto, attivare un indirizzo mail: da settembre infatti le chiamate delle scuole per le supplenze arriveranno per mail. Sempre a settembre poi si apre l’aggiornamento delle graduatorie Ata: e anche qui potremmo avere numeri elevatissimi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA