Personale della scuola

Specializzazione per «prof» d’infanzia e primaria

di Fr. Port.

La specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità certificata, nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, si consegue attraverso uno specifico corso di specializzazione.

Promozione e inclusione

L’articolo 12 dello schema di decreto legislativo, recante norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità, prevede, a questo proposito, indicazioni precise per il corso di specializzazione per le attività di sostegno didattico. Per accedere all’insegnamento di sostegno, nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, non basta la laurea magistrale quinquennale a ciclo unico, a numero programmato, in Scienze della formazione primaria, che fornisce un titolo abilitante all’insegnamento nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria.

Bisognerà, inoltre, superare uno specifico corso. Possono accedere al corso esclusivamente gli aspiranti in possesso della laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della formazione primaria, che abbiano conseguito ulteriori 60 crediti formativi universitari relativi alle didattiche dell’inclusione oltre a quelli già previsti nel corso di laurea.

Il corso di specializzazione in pedagogia e didattica speciale per le attività di sostegno didattico e l’inclusione scolastica è attivato presso le università autorizzate dal Miur nelle quali sono attivi i corsi di laurea a ciclo unico in Scienze della formazione primaria.

Struttura dei corsi

La durata è annuale e prevede l’acquisizione di 60 crediti formativi universitari, comprensivi di almeno 300 ore di tirocinio, pari a 12 crediti formativi universitari. Ai fini del conseguimento dei crediti, possono essere riconosciuti i crediti formativi universitari eventualmente conseguiti dai predetti laureati magistrali in relazione ad insegnamenti nonché a crediti formativi universitari ottenuti in sede di svolgimento del tirocinio e di discussione di tesi attinenti al sostegno e all’inclusione. Il corso è a numero chiuso ed è programmato a livello nazionale dal Miur in ragione delle esigenze e del fabbisogno del sistema nazionale di istruzione e formazione.

Si accede dopo aver superato una prova predisposta dalle singole università. I piani di studio, le modalità attuative e quelle organizzative del corso di specializzazione in pedagogia e didattica speciale per le attività di sostegno didattico e l’inclusione scolastica, nonché i crediti formativi necessari per l’accesso al medesimo corso di specializzazione, sono definiti attraverso uno specifico decreto del Miur.

È auspicabile che i corsi possano partire al più presto, tenuto conto che, in diverse province, c’è una significativa carenza di insegnanti di sostegno, muniti dei titoli necessari. Diverse scuole sono costrette ad assegnare le cattedre a docenti non specializzati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA