Famiglie e studenti

Potenziati i servizi della Carta «IoStudio»

«IoStudio», la Carta dello Studente sarà potenziata: viene attribuita dal Miur a tutti gli alunni censiti nell’Anagrafe nazionale degli studenti e frequentanti le scuole primarie, secondarie, statali o paritarie, o una istituzione formativa del sistema di istruzione e formazione professionale una tessera nominativa che attesta lo status di studente. Anche gli studenti universitari o che frequentano gli istituti Afam e i centri regionali per la Formazione professionale possono essere destinatari della Carta.

A cosa serve la Carta
La Carta permette di costruire di fatto una rete inter-istituzionale di soggetti pubblici e privati a sostegno del diritto allo studio, assicurando: agevolazioni e benefici per beni e servizi di natura culturale, servizi per la mobilità nazionale e internazionale, ausili di natura tecnologica per lo studio e per l’acquisto di materiale scolastico; l’erogazione di borse di studio per merito scolastico, identità digitale dello studente, a cui è associato un profilo personalizzato sul Portale dello Studente del Miur attraverso il quale consultare anche le informazioni relative al curriculum dello Studente. Per i ragazzi della scuola secondaria di secondo grado, la Carta potrà essere associata a un borsellino elettronico (una carta di debito), attivabile su richiesta delle famiglie o da chi ne esercita la responsabilità genitoriale. Per consentire agli alunni l’accesso ai servizi per i quali è richiesta l’identificazione digitale come studente, il profilo e le credenziali d’accesso dello studente sul portale «IoStudio» sono sviluppate in identità digitale, uniformandosi agli standard del Sistema pubblico di identità digitale (Spid) e con funzionalità assimilabili a quelle previste dalla Carta Nazionale dei Servizi.

Le altre mosse
Il Miur definirà con proprio provvedimento le modalità per l’attribuzione delle funzionalità di pagamento e l’istituzione di un sistema nazionale per l’erogazione di voucher, anche in forma digitale, per l’erogazione dei benefici, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. Con successivo decreto del ministero dell’Istruzione, sentito il ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, saranno fissati i criteri e le modalità per la realizzazione e la distribuzione della Carta, le funzionalità di pagamento, e le informazioni relative al curriculum dello studente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA