Famiglie e studenti

E il ministero apre alla cabina di regia

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Dopo le polemiche e i malumori a seguito del varo del decreto 987, il Miur corre ai ripari, e apre a una cabina di regia per il coordinamento dell’offerta formativa degli Its (Istituti tecnici superiori) con quella delle nascenti lauree professionalizzanti (il cui esordio slitta però di un anno).

Il tavolo di confronto
Il passo avanti del dicastero di Viale trastevere è quello di far sedere attorno a un tavolo tutti: gli Its, gli atenei e i soggetti sociali interessati. «C’è un forte bisogno di percorsi professionalizzanti post diploma - ha detto la neoministra, Valeria Fedeli - e dobbiamo mettere a frutto tutte le specificità del sistema terziario di istruzione. Dobbiamo garantire alle studentesse e agli studenti la migliore offerta possibile».

A tale scopo sarà anche attivata una piattaforma informatica attraverso la quale sarà raccolta la documentazione ufficiale e saranno incrociate tutte le informazioni relative all’offerta formativa.

Toccafondi: ora dobbiamo far crescere i numeri
Nei paesi dell’area Ocse il 18% degli studenti risulta iscritto a cicli di istruzione terziaria professionalizzante mentre in Italia meno dell’1%. In Germania il terziario professionalizzante conta 880mila iscritti, in Francia 116mila e 31mila in Svezia. Si può attivare anche in Italia un percorso virtuoso per coinvolgere un numero maggiore di studenti. Il sistema degli Its, nato solo sei anni fa, conta 93 fondazioni 260 corsi e circa 7mila frequentanti, è un sistema appena nato ma funzionante dato che l’81% degli studenti diplomati ha un’occupazione a 12 mesi dal diploma.
«Ora dobbiamo aumentare esperienze e numeri - ha aggiunto il sottosegretario, Gabriele Toccafondi -. e questo è possibile nel dialogo tra vari soggetti interessati perché c’è spazio per nuove offerte che però non siano tra loro in contrasto. Così sarà possibile creare un sistema di formazione terziaria professionalizzante che risponda alle esigenze formative dei nostri giovani».


© RIPRODUZIONE RISERVATA