Famiglie e studenti

Con l’identità digitale “Spid” operazioni più veloci e semplificate

di Alessandra Silvestri

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Ai nastri di partenza le iscrizioni alle scuole di ogni ordine e grado per il 2017/18: genitori, istituzioni , scolastiche, enti locali e amministrazioni condividono la responsabilità del percorso formativo da realizzare e consigliare agli studenti e che, con pochi click, prende l’avvio e segna il futuro degli stessi. La piattaforma dedicata alle iscrizioni sarà aperta dal 16 gennaio al 6 febbraio 2017.


Iscrizioni on line
Le iscrizioni sono effettuate on line per tutte le classi iniziali della scuola primaria, secondaria di I grado e secondaria di II grado statali, per i percorsi di istruzione e formazione professionale erogati in regime di sussidiarietà integrativa e complementare dagli istituti professionali, nonché per i Centri di formazione professionale e per le classi iniziali della scuole paritarie che abbiano aderito al procedimento di iscrizione on line.


Il vademecum per iscriversi
Dopo aver assistito a numerosi open day, consultato decine di siti ed effettuato una rigorosa indagine tra amici e parenti, per i genitori è arrivato il momento della scelta definitiva della scuola a cui affidare i propri figli. La procedura d’iscrizione, anche se non particolarmente complessa, richiede attenzione; le famiglie, tuttavia, possono richiedere aiuto alle scuole di destinazione o di provenienza che, per l’occasione, mettono a disposizione personale di supporto. L’ora X per l’inoltro delle domande scatterà alle 8.00 del 16 gennaio, la piattaforma rimarrà aperta sino alle ore 20.00 del 6 febbraio. I click da eseguire sono 3: collegarsi al sito www.istruzione.it; accedere al servizio iscrizioni on line con le credenziali fornite tramite registrazione oppure, se si è in possesso di un’identità digitale (Spid) accedere al servizio con le credenziali del proprio gestore ; compilare il modulo in tutte le sue parti rendendo le informazioni essenziali (codice fiscale, nome e cognome, residenza, etc…) e indicando le preferenze in merito all’offerta formativa della scuola. I genitori possono presentare una sola domanda, ma possono indicare una seconda e terza opzione che verrà presa in considerazione in caso di eccedenza di domande nella prima scuola scelta.


Cosa fanno le scuole
Preliminarmente le scuole, per favorire una scelta consapevole da parte delle famiglie, aggiornano le informazioni che le caratterizzano nel portale ’’Scuola in chiaro’’. L’aggiornamento è reso attraverso un’apposita funzione presente sul Sidi nell’area ’’Rilevazioni’’. La seconda operazione consiste nella predisposizione del modulo d’iscrizione. Quest’ultimo consta di una parte comune a tutte le scuole e di una parte personalizzata e specifica per ogni singola scuola. Il modulo viene, poi, reso disponibile alle famiglie mediante la pubblicazione. Le domande prevenute sono accolte dalla scuola nei limiti delle disponibilità dettate queste dalle risorse in organico e dai piani di utilizzo degli edifici scolastici predisposti dagli Enti locali competenti. Le istituzioni scolastiche possono richiedere alle famiglie informazioni aggiuntive purché strettamente pertinenti e non eccedenti (articolo 11 del Dlgs 196 del 30/06/2003). A titolo esemplificativo e non esaustivo, risultano non pertinenti, rispetto alla finalità delle iscrizioni, i dati relativi al titolo di studio e alla professione dei genitori degli alunni (nota direzione generale Miur 1/04/2015 prot. 2773).


Spid (Sistema pubblico di identità digitale)
Lo Spid è un’identità digitale che, come suggerisce l’assonanza con l’inglese speed, “velocità”, permette di accedere velocemente a molti servizi dello Stato ormai quasi tutti digitalizzati. E’ composta da semplici credenziali quali nome utente e password e, da quest’anno, può essere utilizzata per iscrivere i propri figli alle prime classi della scuola primaria e secondaria di I e II grado. Chi possiede un’identità Spid può saltare a piè pari la fase di registrazione, in atto dallo scorso lunedì e che si è conclusa il 15 gennaio, per procedere direttamente da oggi alla fase di iscrizione vera e propria. Per ottenere le credenziali Spid occorre rivolgersi a un gestore d’identità scegliendo tra: Poste Italiane, Infocert, Sielte o Tim. Tutte le informazioni su http://www.spid.gov.it/richiedi-spid


© RIPRODUZIONE RISERVATA