Famiglie e studenti

Legge 107, si avvicina la scadenza per le deleghe (ma si spera nel decreto milleproroghe)

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

La dead-line è fissata per il 15 gennaio: dopo di che le nove deleghe contenute nella legge 107 scadranno. Si tratta dell’atteso completamento della Buona Scuola, e alcuni di questi Dlgs sono effettivamente molto pesanti: in particolare, quello relativo al sistema integrato 0-6 per nidi e scuole dell’infanzia e la revisione della valutazione nel primo ciclo e nell’esame di maturità (che dovrà portara a un effettivo riconoscimento dell’alternanza e del ruolo formativo delle aziende).

Ma c’è anche la revisione della formazione tecnica e professionale, un tema molto caro alle imprese; e il reclutamento dei docenti, con le relative pendenze per sanare le graduatorie a esaurimento non ancora svuotate (e, finalmente, così partire con un sistema nuovo e ordinato di accesso alla cattedra, che superi, in prospettiva, l’attuale regime delle graduatorie, a esaurimento e d’istituto).

Verso una soluzione nel milleproroghe
Il tema è delicato: molti di questi provvedimenti sono a buon punto (anche se sulla delega 0-6 anni bisognerà tener conto della recente sentenza della Corte costituzionale); e ora tocca alla neo-ministra, Valeria Fedeli, prendere una decisione. L’idea, che trapela dal dicastero di Viale Trastevere, è quella di utilizzare il decreto Milleproroghe che a giorni sbarcherà in Parlamento per inserire una norma che allunghi la scadenza fissata dalla riforma Renzi-Giannini (appunto, 15 gennaio). Nei giorni scorsi è stata proprio la neo ministra, Fedeli, a indicare, come ragionevole, tempi supplementari al massimo di due mesi. Bisognerà però aspettare la disposizione di legge. E sperare che la ripresa del dialogo con i sindacati non allunghi ulteriormente i tempi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA