Famiglie e studenti

A Napoli un incubatore per le startup degli studenti

di Carmine Fotina

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Prima una novità per pochi, poi una tendenza in crescita, ora anche un’idea che contagia le scuole: la creazione di startup può trovare terreno fertile anche nelle aule, con la creazione di incubatori come quello che nascerà a Napoli per iniziativa dell’ istituto superiore statale “Francesco De Sanctis”. L’iniziativa è stata presentata nel corso di un workshop presso la sede dell’istituto. Il primo passo è l’attivazione di un laboratorio, chiamato “2io merito un’impresa”, che dovrà supportare e alimentare, con servizi di orientamento e mentoring, le idee degli studenti che possono tramutarsi in nuove attività imprenditoriali. Un incubatore e acceleratore di startup nella scuola, in altre parole, tra le primissime iniziative di questo tipo in Italia. Il secondo passo è la firma di un protocollo di intesa con le istituzioni locali, per fornire opportunità immediate di giovani di inserimento lavorativo con un focus sull’innovazione sviluppata nell’incubatore.
La Campania del resto non sfigura nella classifica delle starup nate negli ultimi anni sull’onda delle agevolazioni e delle semplificazioni varate a livello governativo. Con 424 startup su 6.701 totali è la quinta regione italiana, numeri che documentano l’esistenza di un terreno fertile per l’innovazione dal basso.
Durante il workshop, aperto da Luigi de Magistris, sindaco di Napoli e da Liana Nunziata, dirigente scolastico dell’istituto “De Sanctis”, e concluso dallo scrittore Maurizio De Giovanni, si è sviluppata l’idea di “un patto” per la città che valorizzi la creatività dei giovani sui temi del digitale e dell’innovazione e sostenendo startup che possano rappresentare anche un modello di sviluppo sostenibile.
Tra i relatori del workshop: Susanna Moccia, presidente Giovani Imprenditori Unione industriali di Napoli, Amedeo Manzo, presidente Bcc di Napoli, Arturo Capasso, docente Università del Sannio, Antonio Prigiobbo, responsabile innovazione New Media Startup Sugc, Mario Sorrentino, docente II Università di Napoli, Michele Raccuglia di Italia Lavoro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA