Personale della scuola

Supplenti, per i 36 mesi il «contatore» parte da settembre 2016

di Claudio Tucci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Arriva una nuova “salva precari”: i contratti a termine, per le supplenze, di prof e personale Ata, che non possono superare la durata complessiva di 36 mesi, anche non continuativi, «sono quelli sottoscritti dal 1° settembre 2016». Il chiarimento, annunciato nelle settimane scorse dal ministro, Stefania Giannini, è contenuto nella legge di Bilancio all’ultimo miglio alla Camera.

Rifinanziato il fondo contro abusi contratti a termine
Tra le altre novità introdotte in commissione, spunta il ri-finanziamento, per 2 milioni di euro annui per il triennio 2017-2019, del fondo per il risarcimento dei danni conseguenti alla reiterazione illegittima di contratti a termine su posti vacanti e disponibili.

School bonus direttamente alle scuole
Si dispone poi che le erogazioni liberali alle scuole paritarie che danno diritto al cosiddetto «school bonus» siano versate direttamente alle scuole (e non allo Stato); e si prevede, inoltre, che le risorse relative all’attuazione dell’alternanza scuola-lavoro, oltre che alle istituzioni scolastiche statali, possano andare anche alle scuole paritarie private e degli enti locali. Un’altra novità sono i 100 milioni che Inail potrà destinare alla realizzazione di nuove strutture scolastiche.

Organico di diritto
Tra le conferme, contenute nella manovra, l’istituzione nello stato di previsione del Miur di un nuovo Fondo, con una dotazione di 140 milioni per il 2017 e 400 milioni dal 2018, destinato all’incremento dell'organico (docente) dell'autonomia. Si conta di stabilizzare circa 25mila cattedre, oggi funzionanti in organico di fatto.

Proroga scuole belle
Si stanziano, inoltre, ulteriori 128 milioni per il 2107 per la prosecuzione fino al 31 agosto 2017 del piano straordinario per il ripristino del decoro e della funzionalità degli edifici scolastici (c.d. programma #scuole belle); e si posticipa all’anno scolastico 2019/2020 la soppressione della possibilità di collocare fuori ruolo docenti e dirigenti scolastici per assegnazioni presso enti che operano nel campo delle tossicodipendenze, della formazione e della ricerca educativa e didattica, e associazioni professionali del personale direttivo e docente ed enti cooperativi da esse promossi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA