Famiglie e studenti

Educazione ambientale in classe, 20 milioni di fondi Pon fino al 2020

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Venti milioni di euro per inserire l'educazione ambientale nelle scuole italiane, dalle primarie fino ai gradi più alti. Lo prevede un protocollo di intesa fra Miur e ministero dell'Ambiente che è stato reso pubblico ier dai ministri Stefania Giannini e Gianluca
Galletti alla Conferenza nazionale sull'educazione ambientale, che si tiene a Roma al museo Maxxi.

Le iniziative
I fondi, da oggi al 2020, provengono dal Piano operativo nazionale (Pon) scuola e serviranno alla formazione degli insegnanti e a progetti specifici per gli studenti. I contenuti saranno affidati al ministero dell'Ambiente.
«È un impegno che deriva dalla legge 107 sulla Buona scuola - ha spiegato il ministro Giannini - che prevede l'introduzione dell'educazione ambientale come uno dei principi guida, non concentrata in un'ora, ma distribuita in attività formativa dalla primaria ai più alti gradi dell'istruzione». «La formazione - ha aggiunto Giannini - riguarda in modo cruciale anche gli insegnanti» perchè «c'è bisogno di una classe di docenti che non sia abbandonata a se stessa, alla buona volontà, ma sia inserita in un percorso di formazione strutturale e permanente».
Per il ministro dell'Ambiente Galletti «l'unico modo per risolvere i problemi ambientali è insegnare ai nostri ragazzi a non fare gli errori che abbiamo fatto noi. Noi almeno avevamo la scusante che non avevano le conoscenze scientifiche. Ma se oggi, con quello che sappiamo, non insegniamo l'educazione ambientale, allora siamo davvero colpevoli».
Nel corso della Conferenza è stata consegnata ai due ministri la Carta dell'educazione ambientale e dello sviluppo sostenibile, preparata dai 12 tavoli tematici riuniti da due giorni al Maxxi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA