Famiglie e studenti

Maturità, domande di ammissione da presentare entro il 30 novembre

di Franco Portelli

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Il Miur ha reso noto i termini e le modalità di presentazione delle domande di partecipazione agli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado per l’anno scolastico 2016/2017. Nella circolare 12474 del 9 novembre 2016 è precisato che gli interessati possono presentare la domanda secondo la seguente tempistica: entro il 30 novembre 2016 gli alunni dell’ultima classe (candidati interni), entro il 31 gennaio 2017 gli alunni della penultima classe (per abbreviazione per merito), entro il 30 novembre 2016 i candidati esterni, entro il 20 marzo 2017 gli alunni che hanno cessato la frequenza delle lezioni dopo il 31 gennaio 2017 e prima del 15 marzo 2017 (candidati esterni), entro il 30 novembre 2016 i candidati detenuti, entro il 31 gennaio 2017 le domande tardive. I candidati interni devono presentare la domanda al dirigente scolastico della scuola frequentata, tutti gli altri al direttore generale o dirigente preposto all’Ufficio scolastico regionale della regione di residenza.

Candidati detenuti
Le domande di partecipazione agli esami di Stato dei candidati detenuti devono essere presentate al competente direttore generale o al dirigente preposto all’Ufficio scolastico regionale, per il tramite del direttore della casa circondariale, con il nulla osta del direttore medesimo. Il direttore generale o il dirigente preposto all’Ufficio scolastico regionale può prendere in considerazione anche eventuali domande pervenute oltre il 30 novembre 2016. Le domande tardive, saranno ammesse limitatamente a casi di gravi e documentati motivi. A decidere, in questi casi, saranno i dirigenti competenti.

Ammessi per merito
Sono ammessi, a domanda, per abbreviazione per merito, direttamente agli esami di Stato del secondo ciclo, gli alunni della penultima classe in possesso dei seguenti requisiti: avere riportato, nello scrutinio finale della penultima classe, non meno di otto decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline e non meno di otto decimi nel comportamento; avere seguito un regolare corso di studi d’istruzione secondaria di secondo grado; avere riportato una votazione non inferiore a sette decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline e non inferiore a otto decimi nel comportamento negli scrutini finali dei due anni antecedenti il penultimo, senza essere incorsi in ripetenze.

Candidati esterni
I candidati esterni possono presentare domanda se hanno almeno uno dei seguenti requisiti: aver compiuto il diciannovesimo anno di età entro l’anno solare in cui si svolge l’esame e dimostrare di aver adempiuto l’obbligo scolastico; essere in possesso del diploma di licenza conclusiva del primo ciclo di istruzione da un numero di anni almeno pari a quello della durata del corso prescelto, indipendentemente dall’età; avere compiuto il ventitreesimo anno di età entro l’anno solare in cui si svolge l’esame. In tal caso i candidati sono esentati dalla presentazione di qualsiasi titolo di studio inferiore; essere in possesso di titolo conseguito al termine di un corso di studio di istruzione secondaria di secondo grado di durata almeno quadriennale; aver cessato la frequenza dell’ultimo anno di corso prima del 15 marzo 2017. I candidati esterni, provenienti da Paesi dell’Unione europea, che non siano in possesso di promozione o idoneità all’ultima classe di un corso di studi di tipo e livello equivalente, sono ammessi a sostenere l’esame di Stato, previo superamento dell’esame preliminare sulle materie previste dal piano di studi dell’anno o degli anni per i quali non siano in possesso della promozione o dell’idoneità alla classe successiva, nonché su quelle previste dal piano di studi dell’ultimo anno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA