Famiglie e studenti

Manovra: la mappa dei benefici dalle superiori fino all’università

Sul fronte dell’istruzione (dalla primaria all’università) il disegno di legge di bilancio 2017 interviene in vario modo,con un occhio di riguardo per la famiglia.

Scuole paritarie
Da gennaio il contributo per le scuole paritarie che accolgono alunni disabili passa da 12,2 a 24,4 milioni annui. Arrivano poi 25 milioni in più per le materne paritarie al fine di ridurre le rette. E le spese detrabili per la frequenza delle paritarie: sale da 400 euro a 640 quest'anno, 750 nel 2017 e 800 dal 2018.

Cultura per diciottenni
Varrà anche per il 2017 il bonus studenti (finanziato con 290 milioni), per i 18enni che anche l’anno prossimo 2017avranno 500 euro da utilizzare per spese culturali.

Studenti universitari
Arriva una no tax area che dovrebbe escludere dal pagamento delle tasse oltre 300mila studenti di nuclei con Isee inferiore a 13mila euro e le abbassa per altri 350mila appartenenti alla fascia di reddito 13-25mila. Confermate anche le super-borse di studio da 15mila euro per i 400 studenti più bravi e con un Isee sotto i 20mila euro per iscriversi all’università.

Giovani talenti
Questa volta ci sarà un «tutoraggio» diretto da parte del ministero dell’Istruzione. Sulla base dei voti e dei curriculum scolastici, segnalati direttamente dalle scuole superiori disecondo grado. Verranno così selezionati 400 giovani talenti «privi di mezzi» (Isee familia re sotto i 20mila euro), che abbiano ottenuto , nel penultimo e terzultimo anno della scuola secondaria di secondo grado e negli scrutini intermedi dell’ultimo anno, medie uguali o superiori a 8/10. A loro spetterà un assegno mensile di 15.000 euro annuali, destinati a favorire l’immatricolazione e la frequenza a corsi di laurea, o di laurea magistrale a ciclo unico, nelle università statali aventi sedi in Italia o all’estero.


© RIPRODUZIONE RISERVATA