Famiglie e studenti

Terremoto, i sindacati: «Sospendere scadenze sul personale»

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Dopo il sisma che ha colpito il centro Italia nella notte tra martedì e mercoledì, i segretari generali dei sindacati della scuola Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal hanno inviato al ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, una richiesta di «intervenire urgentemente per ridefinire i termini per le operazioni riguardanti il personale scolastico nelle zone colpite dal terremoto, aggiornando tutte le scadenze e assumendo ogni provvedimento necessario per garantire un regolare avvio delle attività scolastiche».

L'emergenza
«In considerazione dei gravissimi disagi che si stanno verificando nelle aree territoriali interessate dal sisma - si legge nella nota dei sindacati - si chiede l'immediata sospensione, per le aree in questione, di tutte le scadenze previste per le operazioni di utilizzo e assegnazione del personale, e che le stesse siano successivamente rideterminate in base all'evolversi della situazione, insieme a ogni altro provvedimento che si rendesse necessario per assicurare un regolare avvio dell'anno scolastico».

Giannini: «Vicini a famiglie delle vittime»
Il ministro dell'Istruzione ha affidato a Twitter il suo messaggio di cordoglio dopo il terremoto: «Vicini ai nostri concittadini colpiti dal #terremoto e alle famiglie delle vittime. Un sentito grazie a chi e' impegnato nei soccorsi» ha scritto Giannini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA