Personale della scuola

Mini proroga per partecipare al piano nazionale «La scuola al centro»

di Francesca Malandrucco

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Sono stati prorogati al prossimo 29 giugno i termini per la presentazione dei progetti contro la dispersione scolastica che interessano le aree periferiche delle città metropolitane di Roma, Milano, Napoli e Palermo. Molti dei 700 istituti che rientrano nel piano nazionale «La scuola al centro», cui il Miur ha destinato complessivamente 10milioni di euro, avevano chiesto al ministero di spostare in avanti la scadenza entro la quale avrebbero dovuto mandare i progetti per trasformare le scuole in centri di attrazione e aggregazione per i giovani, già a partire da questa estate.

L’obiettivo del piano nazionale, infatti, è proprio quello di dare una risposta al
crescente del disagio sociale delle aree periferiche delle grandi città, aprendo le porte della scuola in orari extrascolastici, il pomeriggio, nel week end o durante le vacanze estive.
Ogni progetto, che potrà essere svolto anche in collaborazione con altri istituti scolastici, con enti locali, università, associazioni o cooperative, riceverà un finanziamento massimo di 15mila euro e potrà riguardare diversi settori: dallo sviluppo dell'autoimprenditorialità alla musica, dallo sport ai laboratori di lettura fino ai workshop di cinema e teatro.
I primi fondi saranno destinati agli interventi che partiranno subito, dal 1 luglio al 10 settembre. A seguire, poi, tutti gli altri. Il piano «La scuola al centro», infatti, prevede che le attività proseguano anche nei mesi di ottobre, novembre e dicembre.
Per l’autunno, poi, il Miur ha annunciato che metterà a disposizione ulteriori risorse per allargare la lotta alla dispersione scolastica all’intero territorio nazionale, coinvolgendo altre 5mila scuole che ricadono in territori considerati più a rischio.
I progetti vanno presentati rigorosamente on-line, attraverso la compilazione di un formulario disponibile per le scuole all’interno dell’area riservata dell’appositosito , cui gli istituti potranno accedere utilizzando un’apposita password.


© RIPRODUZIONE RISERVATA