Famiglie e studenti

Studio Ocse sulla matematica: gli alunni italiani conoscono l’algebra ma fanno fatica ad applicarla alla realtà quotidiana

di Flavia Foradini

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Il titolo del nuovo studio Ocse, dedicato ai quindicenni dei Paesi industrializzati alle prese con la matematica, è programmatico: “Equations and Inequalities: making Mathematics accessible to All” (Equazioni e ineguaglianze: rendere la matematica accessibile a tutti”).
L’acquisizione di un’adeguata competenza numerica dipende infatti ancora troppo spesso dal profilo socio-economico di partenza degli adolescenti. Chi ha alle spalle una famiglia con discrete e buone capacità di censo e buon grado d’istruzione, tende ad avere risultati migliori, così come chi ha genitori che amano la matematica è più incline a non perdersi d'animo di fronte a difficoltà nel risolvere un problema.
È dunque l’eliminazione delle diseguaglianze dovute all’estrazione sociale uno dei punti focali sui quali l’Ocse esorta tutti i Paesi membri a lavorare più a fondo: con curricula più efficaci, che applichino le conoscenze matematiche a reali problemi della vita quotidiana e sviluppino pensiero e ragionamento; con più aiuti individuali agli studenti in difficoltà, e con maggiore sostegno ai docenti attivi in gruppi classe caratterizzati da vistose differenze nelle abilità.
Ma vi sono altri aspetti che preoccupano gli analisti, perché in un mondo del lavoro che chiede sempre più solide competenze numeriche, il quadro globale lato scuola, indica criticità.

Il quadro disegnato dall’Ocse
Nella maggior parte dei Paesi studiati, a fronte di un aumento delle ore scolastiche di matematica dal 2003 (3 ore e 19 minuti) al 2012 (3 ore e 32 minuti; in Italia 3 ore e 52), meno del 30% dei quindicenni riesce a raggiungere approfondite conoscenze matematiche e addirittura meno del 50% ha idea di cosa sia un poligono.
Il 31% degli studenti Ocse non ha familiarità con il concetto di media aritmetica, e solo il 21% viene guidato alla comprensione di reali problemi che richiedano ragionamento, come l'analisi di un grafico o dei dati di una tabella.
Rispetto alle conoscenze di algebra, l’Italia risulta leggermente sopra la media Ocse in fatto di familiarità con concetti di geometria e algebra, attestandosi attorno al livello 2 su 4. Ma i nostri ragazzi hanno difficoltà ad applicare alla realtà che li circonda quanto hanno appreso, per esempio desumendo i tempi di percorrenza di un treno da un orario ferroviario. Positivi dunque, dicono gli analisti, gli sforzi italiani nell’àmbito della matematica pura, ma la matematica applicata deve essere un necessario complemento.
A livello Ocse, gli studenti che si confrontano più frequentemente con le equazioni, nei test Pisa registrano fino a 73 punti in più di coloro che sono digiuni dell'argomento: l'equivalente di due interi anni di scuola. E nelle equazioni, i ragazzi più avvantaggiati socio-economicamente tendono a esiti superiori di oltre 20 punti rispetto ai loro compagni con situazioni famigliari disagiate, la qual cosa si traduce per chi è in difficoltà anche in mancanza di fiducia nelle proprie possibilità di riuscita (nel 50% dei casi) e nel conseguente (auto)-declassamento all'apprendimento di soli contenuti di base e più mnemonici.
Il problema risulta particolarmente acuto in Italia e Spagna, sostiene l’Ocse, se si considera il rapporto tra la popolazione immigrata o nata all’estero, e la popolazione autoctona.

Il circolo vizioso
L’Ocse chiede di spezzarlo da un lato con un approccio curriculare mirato anche alla risoluzione di problemi e dall'altro con il potenziamento della capacità delle scuole di includere studenti provenienti da altre aeree culturali. Una necessità questa che per l’Italia era già stata indicata nel rapporto Talis del 2013, secondo il quale il 27% dei nostri docenti (contro una media Ocse del 12%) chiedeva una maggiore formazione alle esigenze derivanti dall'evoluzione multietnica della società.
Un ulteriore dato di diseguaglianza viene segnalato dall’Ocse per il nostro Paese: chi frequenta una scuola tecnico-professionale ha una probabilità due volte maggiore rispetto ai liceali, di avere esigua familiarità con la matematica. Una situazione pregna di conseguenze per il futuro lavorativo degli adolescenti, perché, avverte l’Ocse, nonostante la crisi economica globale, nel 2013 la richiesta in àmbito Ue di lavoratori versati nelle materie Stem (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) è stata superiore del 12% a quella dell'anno 2000: gli adulti che nei test numerici superano di 50 punti la media OCSE, hanno il 27% di probabilità in più di ottenere un lavoro e il 55% in più di migliori salari, rispetto a chi ha esiti nella media.
Un dato globale che emerge dalle 222 pagine del Rapporto, e che dovrebbe far riflettere, e mettere in moto un ripensamento di curricula e libri di testo, è il generale aumento in area Ocse della disaffezione degli studenti per la matematica tra il 2003 e il 2012, Italia compresa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA